meta:-causa-legale-per-l’uso-di-pixel-nei-siti-web-degli-ospedali

Meta: causa legale per l’uso di Pixel nei siti web degli ospedali

Sono in corso due azioni legali collettive contro Meta Pixel per la raccolta e la condivisione illegale di dati sanitari senza consenso.

Secondo due proposte di azione legale collettiva, Meta avrebbe condiviso dati sanitari sensibili con aziende pubblicitarie di terze parti. Entrambe le cause riguardano Meta Pixel, lo strumento di monitoraggio dell’azienda utilizzato per l’analisi degli annunci pubblicitari su Facebook e Instagram.

Il Pixel è un codice JavaScript che può essere installato su quasi tutti i siti web per raccogliere dati sulle interazioni dei visitatori con il sito. In una causa depositata il mese scorso, una paziente anonima – indicata nella causa solo come “Jane Doe” – dell’Università di California, San Francisco Medical Center sostiene di aver iniziato a ricevere annunci mirati relativi alla sua condizione medica dopo aver utilizzato il portale pazienti dell’ospedale.

Una causa simile è stata presentata a giugno da una paziente del MedStar Health System di Baltimora, nelMaryland, che sostiene che almeno 664 aziende sanitarie hanno utilizzato Meta Pixel per raccogliere dati medici. 

Entrambe le azioni legali sono finalizzate a ottenere lo status di class action, che consentirebbe ad altre persone colpite di richiedere i danni insieme ai pazienti che le hanno intentate.

I supposti filtri di Meta

Le leggi sulla privacy in ambito sanitario, in particolare l’HIPAA del 1996vietano rigorosamente la condivisione di qualsiasi dato medico senza il consenso del paziente. Pixel può essere installato con facilità su qualsiasi sito web. Perciò Meta è responsabile del filtraggio di tutti i dati che non dovrebbero arrivare a inserzionisti terzi.

L‘azienda sostiene di proteggere i dati sanitari del pubblico in due modi. Sia richiedendo ai siti web che utilizzano Pixel di chiedere il consenso dei pazienti prima di utilizzarlo che filtrando essa stessa i dati sanitari sensibili. 

Entrambe le azioni legali sostengono che Meta non sta prendendo le misure necessarie per applicare effettivamente queste politiche. 

Il Pixel è uno strumento di Meta, che va a vantaggio dell’attività pubblicitaria mirata dell’azienda. Perciò spetta a Meta l’onere di garantire che non sia utilizzato in modo dannoso.

Big Tech e sanità 

Il Distretto settentrionale della California dovrà ora certificare queste cause come azioni collettive prima di poterle portare avanti. Il caso potrebbe avere conseguenze di vasta portata.

Secondo una recente indagine di The Markup, 33 dei 100 ospedali più importanti degli Stati Uniti utilizzano Pixel e lo status di class-action riguarderebbe tutti i pazienti serviti da questi siti web (e molti altri).

Le azioni legali mettono in discussione il nostro consenso a che le società di Big Tech raccolgano dati sensibili come quelli relativi all’assistenza sanitaria.

Perché permettiamo che Pixel sia installato sui portali dei pazienti degli ospedali, ad esempio, quando sappiamo quanti dati sensibili sono trasferiti attraverso questi siti? È una questione che dovremo affrontare al più presto. Anche perché le Big Tech si stanno facendo strada in modo sempre più stabile nel settore sanitario anche mentre leggete questo articolo.

Greta Kapllani

Sono una ragazza albanese con una forte passione per le lingue e ciò che la comunicazione può creare se usata in modo strategico. Nel tempo libero mi piace leggere e scrivere poesie in lingue diverse.

Scopri tutti gli articoli di Greta Kapllani

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.