whatsapp,-rubati-milioni-di-numeri-italiani

WhatsApp, rubati milioni di numeri italiani

La scoperta da parte di Red Hot Cyber. 19 milioni di numeri italiani sono stati rubati e messi in vendita online su BreachForum.

WhatsApp: maxi furto di numeri di telefono italiani

Sono 100 milioni i numeri di telefono rubati ad account WhatsApp che sono in vendita su BreachForum. Questo è un noto forum cybercriminale, successore di RaidForums che a gennaio è stato chiuso dalle Forze dell’Ordine Internazionali.

Tra questi rubati, circa 19 milioni, sarebbero numeri italiani. Non solo, ma nell’elenco, proprietà di pericolosi cybercriminali, a fianco di ciascun numero è riportato anche il nome e cognome del proprietario.

Gli esperti di Red Hot Cyber hanno contattato il venditore di questi numeri di telefono per un sample. Il cybercriminale ha fornito, come riportato sul comunicato ufficiale circa 5000 record di persone italiane, con accanto il numero di telefono.

WhatsApp: rubati numeri di telefono e dati sensibili

I dati rubati comprendono non solo i numeri di cellulare, ma anche nomi e cognomi dei proprietari degli account. 19 milioni di italiani sono coinvolti in questo furto di dati sensibili.

La preoccupazione è tanta perché è confermato che sono interessati i dati quasi di un italiano su tre.

Vendita numeri WhatsApp, quali rischi per gli utenti

Il pericolo è appunto quello di smishing, che arriverebbe direttamente nelle nostre chat WhatsApp o tramite SMS.

Se arriva un SMS sospetto, fare sempre attenzione a tutto. Dal mittente al testo del messaggio. Non cliccare mai un link presente all’interno del messaggio se non si è certi al 100% che sia un link sicuro. Le truffe sono pericolose perché in pochi secondi potrebbero svuotare il tuo conto e rubare importanti dati sensibili.

Ma c’è anche semplicemente il rischio che diventino soggetti di campagne per la profilazione commerciale e spam.

L’unica speranza, per molti, è che si trattino di informazioni datate, ma non tutti cambiano numero di telefono frequentemente.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.