video-–-tgvallo-21-novembre-2022-–-televallo

VIDEO – TgVallo 21 novembre 2022 – Televallo

  • Autonomia, La Russa “D’accordo se non indebolisce unità nazionale”

    by Redazione on 21 Novembre 2022 at 11:35

    MILANO (ITALPRESS) – “L’autonomia ci trova pienamente d’accordo. Io credo trovi d’accordo tutti gli italiani se non costituisce un motivo di debolezza per l’unità nazionale. Quindi bisogna contemperarla per esempio con un’istituzione che faccia da contrappeso”. Lo ha detto Ignazio La Russa, presidente del Senato, a margine della presentazione della Fondazione Ospedale Niguarda nell’aula Magna del nosocomio milanese.”Con il governatore Fontana la nostra regione è stata meta di viaggi della speranza da parte cittadini di ogni parte d’Italia. Vorremmo che questo presto non servisse più e che ciascuna realtà regionale avesse le capacità che la Lombardia e il sistema sanitario lombardo hanno saputo offrire e donare a tutti gli italiani”, ha aggiunto.(ITALPRESS).-foto agenziafotogramma.it-

  • Energia, Pichetto “Per il 2023 forti preoccupazioni”

    by Redazione on 21 Novembre 2022 at 10:20

    MILANO (ITALPRESS) – Sull’approvvigionamento di energia “per quanto riguarda i quantitativi, forse non per questo inverno che dovremmo riuscire a superare, ma sicuramente per il 2023 le preoccupazioni sono forti. Il venir meno delle forniture russe vuol dire che durante l’estate dobbiamo costituire le riserve, gli stoccaggi e naturalmente essere pronti per il prossimo inverno. Dall’altra parte c’è la questione prezzo, bisogna vedere che effetto ha il price cap europeo sul prezzo del gas, andremo a definire in settimana nel Consiglio Europeo dell’energia”. Lo ha detto il ministro dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica, Gilberto Pichetto Fratin, a margine di un incontro.”Presenterò al Cdm una forma di proposta di price cap nazionale che riguarda il sistema delle rinnovabili. Significa mettere un tetto al prezzo dell’energia da fonti rinnovabili, che naturalmente non hanno un onere eccessivo di costo per la produzione. Un tetto in questo caso molto alto, 180 euro al megawatt/ora è la proposta elaborata dal ministero, che scatta e determina un prelievo rispetto all’impresa qualora si superi l’importo di 180 euro al megawatt/ora”, ha aggiunto.(ITALPRESS).-foto agenziafotogramma.it-

  • Da Banca del Fucino nuovo offerta “Dream” per generazioni nextgen

    by Redazione on 21 Novembre 2022 at 10:06

    ROMA (ITALPRESS) – Banca del Fucino punta sulla nuova clientela retail con il lancio di Dream, una digital pack solution caratterizzata da una formula innovativa, sostenibile e inclusiva rivolta in particolare alle generazioni nextgen. La nuova offerta online prevede l’opzione Time Deposit a 12 mesi, che permette di ottenere una remunerazione lorda del 2,75%. Lo stesso tasso è applicato nelle filiali della Banca del Fucino sulla nuova liquidità vincolata. Dream è una delle tappe del percorso strategico di trasformazione digitale, avviato nel 2021 da Banca del Fucino, che in meno di due anni ha generato una crescita considerevole dei servizi on line per volumi (+181% pari a 8 miliardi di transato) e operazioni (+81% pari a 2 milioni di disposizioni). La nuova soluzione consente di rendere più trasparenti, sicuri ed accessibili i prodotti e servizi bancari a distanza, con il supporto di un’assistenza e consulenza continua da remoto. L’offerta a pacchetto on line, totalmente gratuita, attiva in un’unica sessione web e in pochi click rapporti di conto corrente, servizi telematici, servizi di pagamento e risparmio. Dream inoltre abilita una serie di partnership aderenti al concept full digital & green community, consentendo al cliente di accedere a un circuito di vantaggi e scontistica sulla mobilità elettrica urbana. A breve Dream metterà a disposizione della clientela anche una app di Personal Financial Management, cioè un aggregatore di conti correnti multibanca che consentirà di gestire su un unico dispositivo funzioni di categorizzazione delle spese, saldo aggregato e budget personale.(ITALPRESS).-foto ufficio stampa Banca del Fucino-

  • Fulmine Group, Tommaso De Bernardini nuovo Direttore Vendite Mail

    by Redazione on 21 Novembre 2022 at 09:06

    PALERMO (ITALPRESS) – Fulmine Group, primo operatore postale privato in Italia, affida a Tommaso De Bernardini il ruolo di Direttore Vendite per le business unit Mail (servizi postali) e Servizi Notificazione (atti giudiziari). De Bernardini, 42 anni, entra a far parte del management di Fulmine Group con l’obiettivo di sviluppare e attuare strategie commerciali attraverso un approccio più innovativo e che tiene conto, in particolare, sia dei cambiamenti più evidenti nel mercato postale, sia delle enormi opportunità in quello degli atti giudiziari. Il nuovo Direttore Vendite Mail, che vanta una professionalità maturata nel settore delle spedizioni, supporterà dunque l’azienda nello sviluppo commerciale, con l’obiettivo di potenziare, in maniera strategica, i processi di vendita ed espandere così i brand Fulmine Group e Fulmine Group Servizi Notificazione. “La mia esperienza è al servizio di questo importante Gruppo. – ha detto De Bernardini – Non ho potuto fare a meno di abbracciare con grande entusiasmo questa nuova sfida: l’acquisizione di nuovi clienti in un mercato considerevole, valutandone al giorno d’oggi la competitività e lo scenario particolarmente dinamico. Sono rimasto affascinato – ha aggiunto De Bernardini – dal team molto giovane e motivato presente nel Gruppo e da un management che nelle varie Direzioni è altamente professionale e velocissimo nel prendere le decisioni. Questa operatività, unita all’atteggiamento propositivo, in un ecosistema economico in continuo cambiamento, fa la differenza, perchè si tratta di un Gruppo capace di personalizzare i prodotti offerti in base alle esigenze dei clienti”.Il primo operatore postale privato italiano che oggi si posiziona sul territorio nazionale con oltre 400 filiali dirette e indirette, 12 hub di smistamento e 2.500 postini/driver 4.0, specializzati nella consegna multiprodotto, continua il suo percorso di crescita nell’innovazione.Dopo infatti l’ingresso in azienda di Gaspare Cracoli nel ruolo di Direttore Operativo, per Fulmine Group l’inserimento di Tommaso De Bernardini, nuova risorsa professionale di alto profilo, mira a perseguire, con maggiore intensità ed entro il 2024, gli obiettivi portati avanti dal Gruppo e definiti nel 2021 con il Piano di Sviluppo.-foto ufficio stampa Fulmine Group-(ITALPRESS).

  • Manovra, Patuelli “Per l’Italia rischio di esercizio provvisorio”

    by Redazione on 21 Novembre 2022 at 08:35

    FIRENZE (ITALPRESS) – “Ho un animo molto preoccupato per l’avvenire prossimo. Le ragioni sono molteplici, basterebbe guardare i dati sulla produzione industriali nelle epoche recenti nell’area dell’Euro”. Lo ha detto il presidente dell’Abi, Antonio Patuelli, nel corso di un seminario organizzato a Firenze. “Nel terzo trimestre abbiamo avuto un’esplosione di vari eventi che ci ha portato all’estate più brillante non solo per sole ma per dati economici che noi ricordassimo. C’è stata una forte ripresa del turismo, abbiamo avuto un 2021 positivo, definito come un grande rimbalzone o una ripresa un pò più limitata di quella che era stata la recessione. Nel 2022 i fattori economici hanno avuto una prosecuzione, anche se nel primo semestre si sono mostrati gli effetti sempre più evidenti della crescita del costo dell’energia e della guerra Russia-Ucraina e dell’esplosione anche delle materie prime. Su di esse gli imprenditori italiani hanno fatto miracoli ed hanno differenziato i fornitori”, ha aggiunto. “Abbiamo non delle previsioni ma dei ragionamenti che ci portano a dire che la chiusura dell’anno sarà meno positiva della fase iniziale e che il 2023 oggi è da vedersi in salita”, ha spiegato Patuelli augurandosi che “che nella legge di bilancio ci siano tutti i provvedimenti anticiclici che sono necessari. Ho la preoccupazione che l’Italia finisca, non per responsabilità di qualcuno ma per una somma di fattori, in esercizio provvisorio, e che i mercati possano utilizzare con valutazioni negative l’esercizio provvisorio”. Patuelli ha poi spiegato perchè veda un rischio di esercizio provvisorio per l’Italia. “Oggi siamo a oltre metà novembre e c’è un mese di ritardo nel deposito della legge di bilancio, i tempi sono limitati quindi non bisogna sottovalutare il rischio di esercizio provvisorio. Il mio auspicio è che ci sia una consapevolezza istituzionale complessiva e che si completi il varo dell’esercizio di bilancio entro il 31 dicembre”.(ITALPRESS).-foto agenziafotogramma.it-

  • Related Posts

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *