un-video-inedito-di-luigi-pirandello-tra-svago,-amici-e-viaggi

Un video inedito di Luigi Pirandello tra svago, amici e viaggi

Un video inedito carico di emozioni datato 1930. Immagini che ritraggono Luigi Pirandello tra viaggi, amici e svago. Momenti di vita privata del premio Nobel nato ad Agrigento scovati da Microstorie di Girgenti: il drammaturgo agrigentino è insieme ad alcuni suoi grandi amici tra Parigi e Castiglioncello, luogo balneare in provincia di Livorno. Si vede il Nobel giocare e divertirsi a bocce, con tecniche e movimenti alquanto bizzarri e ,soprattutto, si sente  la sua voce, tratta da un audio d’archivio, mentre recita una sua poesia.  “Si tratta di un rarissimo filmato degli anni trenta – dicono da Microstorie di Girgenti- che mostra un Pirandello mai visto, ripreso insieme ad amici e familiari. Il cortometraggio, grazie ad un restauro digitale, ci permette di apprezzare la figura di Pirandello a Parigi a passeggio lungo i boulevards nel dicembre del 1930 durante le feste di Natale; insieme a lui, il traduttore e amico Benjamin Crémieux, gli amici Massimo Bontempelli, Paola Masino, i  Bertoletti: Nino, Pasquarosa ed il piccolo Pierfrancesco.” Seguono poi le immagini dell’estate del 1931, a Castiglioncello. Nella prima sequenza Pirandello gioca a bocce con Bontempelli e Masino; in un’altra sequenza Pirandello è seduto in giardino e legge alcune sue pagine; intorno a lui i figli Stefano e Fausto, le nuore Olinda Labroca e Pompilia D’Aprile, Bontempelli, Masino, Pasquarosa, Ercole Maselli, Elena Labroca; in lontananza i nipotini insieme al piccolo Citto Maselli. Altra sequenza: Pirandello seduto in giardino legge il giornale, interrotto giocosamente da Bontempelli, gesticola in modo evidente mimando qualcosa molto velocemente; Stefano si affaccia alla finestra del villino, si intravvede anche la piccola Ninnì, la prima nipote di Pirandello che portava il nome della nonna, Maria Antonietta. Le scelte musicali e il montaggio sono a cura della  pagina di Microstorie. Questi video inediti e rarissimi sono conservati nell’Archivio Alessandro d’Amico e sono stati pubblicati sul sito dell’istituto di studi pirandelliani di Roma.

Ecco il link per guardare il video

https://fb.watch/dof9TD_lVK/

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.