tiziano-ferro-contro-l'omofobia-italiana:-“non-faro-il-passaporto-ai-miei-figli”

Tiziano Ferro contro l'omofobia italiana: “Non farò il passaporto ai miei figli”

08 Set 2022 Fabiano Minacci • Tempo di lettura: 2 minuti

Tiziano Ferro

Tiziano Ferro in una lunga intervista rilasciata a Rolling Stones ha confessato che non ha intenzione di fare il passaporto italiano ai suoi due figli, nonostante ne abbiano diritto. Questo perché la legge italiana – qualora dovesse fare il passaporto ai suoi bambini, Margherita (nata a maggio 2021) e Andres (nato a novembre 2021) – alla voce ‘genitori’ scriverebbe solo il suo nome, tagliando di fatto fuori suo marito Victor Allen.

“Oggi, se voglio far entrare i miei figli in Italia, so che avrebbero diritto a metà del presidio genitoriale, anche se ci sono due persone che possono prendersi cura di loro. Se stanno male, solo io posso andare al pronto soccorso perché Victor non risulta sul passaporto, il che è una cosa aberrante. Al di là dell’essere d’accordo o meno, della morale, di un senso di colpa costruito a tavolino, ho sempre pensato che i miei diritti non tolgono nulla a quelli degli altri. Quando poi questa cosa prende una faccia, che è quella dei tuoi bimbi, è allora che ti ferisce.

Per questo non gli ho ancora fatto il passaporto italiano anche se ne hanno diritto, forse lo farò più avanti, o lo faranno loro. Tanto a farli entrare col passaporto italiano avrebbero solo svantaggi, mentre da americani son tranquillo, so che se vengo in tour Victor può prendersi cura di loro… È una cosa che può sembrare stupida, e invece mi fa soffrire da morire”.

Nel passaporto americano di Margherita e Andres, infatti, nella voce ‘genitori’ appaiono i nomi di tutti e due i loro padri.

“Per me e Victor l’esperienza da genitori rappresenta il più alto degli onori, il più impegnativo degli oneri. Che affronteremo con amore, attenzione, tenerezza e dedizione“ – ha scritto il cantante di Latina su Instagram quando ha annunciato l’arrivo dei due bambini – “Ci prenderemo cura dei nostri figli, proteggendoli e custodendone l’intimità meglio che potremo. Saranno solo e soltanto loro a decidere quando – e soprattutto se – condividere il racconto della loro vita, è giusto che lo conoscano prima del resto del mondo. E’ un diritto insindacabile. Grazie per l’amore e per la comprensione di sempre. Vi vogliamo bene!”.

Quello di Tiziano Ferro è stato un discorso che (purtroppo) fila liscio come l’olio.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *