stragi-di-capaci,-giovanni-paparcuri-racconta-l’unica-in-cui-ha-visto-piangere-falcone:-“fu-la-dimostrazione-che-era-un-uomo-come-noi”

Stragi di Capaci, Giovanni Paparcuri racconta l’unica in cui ha visto piangere Falcone: “Fu la dimostrazione che era un uomo come noi”

Ospite della diretta di Millennium Live, Giovani Paparcuri, ex consulente informatico del pool antimafia e anima del museo Falcone e Borsellino, ha ricordato assieme a Mario Portanova (Fq Millennium) e Giuseppe Pipitone (autore del podcast Mattanza) alcuni momenti della vita di Giovanni Falcone: “Quando mi hanno trattato male il dottore Falcone mi diceva se ne futtisse in dialetto, li vuole fare scoppiare? gli sorrida in faccia. Infatti è quello che faceva lui, se vedete le interviste… è sempre sorridente. L’unico momento in cui perde il sorriso fu l’intervista subito dopo l’omicidio Lima, una volta sola l’ho visto piangere e non fu in un funerale… l’ho visto piangere quando andò via da Palermo il consigliere Antonino Caponnetto, aveva gli occhi pieni di lacrime, quella fu la dimostrazione che era un uomo come noi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:

portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.

Grazie Peter Gomez

Articolo Precedente

Capaci, i racconti degli uomini della scorta di Falcone: “Quell’attentato sembra fatto da ingegneri. L’Italia si merita la verità sulla strage”

next

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.