“sono-architetto-in-svezia:-qui-le-aziende-assumono-a-tempo-indeterminato-dopo-6-mesi-di-prova.-la-partita-iva?-non-si-usa-quasi-mai”-–-il-fatto-quotidiano

“Sono architetto in Svezia: qui le aziende assumono a tempo indeterminato dopo 6 mesi di prova. La partita Iva? Non si usa quasi mai” – Il Fatto Quotidiano

“Tra gli architetti in Svezia si usa poco la partita Iva. Puoi lavorare da freelance, ma non ci sono aspetti positivi nel farlo: tutti gli studi di architettura propongono contratti a tempo indeterminato da subito, con un periodo di prova di sei mesi che è quasi impossibile vada male”. Veronica Gerini, 34 anni, è nata e cresciuta a Treviso. Si è laureata in Architettura all’Università Iuav di Venezia e poi è partita per la Svezia, dove vive da dieci anni. “Quello che ho fatto in Italia – racconta – è stato un percorso accademico tra i migliori. Ma quando ho cominciato la specialistica ho trovato quasi gli stessi corsi della triennale: un passaggio poco stimolante, che non si discostava molto dall’architettura tradizionale”.

Così, spinta anche dalla voglia di perfezionarsi all’estero, Gerini manda il curriculum a varie università, tra cui quella di Umeå, in Svezia, che le interessa per l’approccio interdisciplinare. E la sua candidatura è accettata: “Nel master non c’era solo progettazione e costruzione, come in Italia, ma anche ricerca su impatto sociale dell’architettura e social housing. Ogni volta che lavoravamo a un progetto – racconta – c’era un confronto sugli aspetti sociologici. Quindi arrivi alla costruzione con una visione più completa”. Quest’osmosi tra edilizia urbana e società è il motivo che ha convinto Veronica a partire ma anche a rimanere quando le cose sembravano più difficili. La sua esperienza, infatti, non è iniziata da Stoccolma, capitale internazionale e ricca di opportunità, ma dalla cittadina del nord della Svezia di 80mila abitanti dove ha fatto l’Università, Umeå. “Ho visto la Svezia da cui tanti sarebbero scappati – spiega – Qui sono tutti gentili ma molto inquadrati e mi è servito del tempo per capire i loro usi e costumi. È stata dura perché siamo società diverse, ma avevo un obiettivo e l’ho perseguito”. Così dopo il master, in lingua inglese e con studenti da tutta Europa, invia il curriculum agli studi di Stoccolma e viene respinta perché non conosce lo svedese, ma rimedia presto. “Il mio primo impiego è stato in una città ancora più piccola di Umeå, Örnsköldsvik”- che ha circa 30mila abitanti. “Ho trovato lavoro con contratto a tempo indeterminato un mese dopo la laurea – spiega Veronica – e lo avrei trovato anche prima se avessi conosciuto la lingua. Tutti qui parlano inglese, ma se vuoi fare un certo tipo di carriera devi imparare lo svedese”.

Una volta iniziato, è stata l’azienda a pagarle un corso: “Hanno investito su di me, e grazie a quell’esperienza negli anni a seguire si sono aperte tante porte”. Passa a Örnsköldsvik due anni e poi tenta di nuovo di arrivare a Stoccolma: “A Örnsköldsvik stavo bene ma c’era poca interazione sociale e trovare qualcuno della mia età era difficile, perché quasi tutti vanno a vivere lì introno ai 45-50 anni, dopo aver fatto carriera nella capitale”. Così lei e suo marito, architetto anche lui, lituano, e conosciuto al master, inviano candidature a tutti gli studi di architettura della capitale e ricevono risposte favorevoli. “A Stoccolma mi hanno fatto un contratto con le stesse tutele del lavoro precedente e mi sono state date opportunità di crescita”. Il sistema di welfare svedese investe in modo sistematico nella realizzazione di edifici pubblici per educazione e assistenza: dagli asili nido alle Rsa. Gerini, che oggi nello specifico fa la manager di progetto, spiega che proprio per l’assetto sociale svedese il suo mestiere è molto richiesto, sia nel pubblico che nel privato. “C’è un gran bisogno di architetti – dice – Nel pratico, il mio lavoro è simile a quello che farei in Italia, cioè progettare e costruire ma ci sono arrivata con una formazione interdisciplinare”. Progredire non è stato immediato, “Essere una donna giovane e straniera mi metteva sempre a un livello diverso del tavolo, ma ho imparato a non sottovalutare le mie capacità. Oggi gestisco diverse persone nel mio studio e coordino tutti i professionisti coinvolti nei progetti, dai costruttori agli ingegneri”.

Per quanto anche lei abbia fatto la gavetta, se si confronta con gli amici e colleghi che ha lasciato in Italia, vede meccanismi diversi: “Qui non esistono collaborazioni a partita Iva: sei assunto a tempo indeterminato e basta. Questo ti dà molta sicurezza. In Svezia i sindacati hanno un potere forte e c’è molta attenzione al lavoratore”. Quando parla a ilfattoquotidiano.it, Veronica Gerini è diventata mamma da nove giorni, quindi spiega cosa voglia dire per lei avere questo tipo di tutele: “Lo Stato dà diritto a 480 giorni di ferie retribuite da dividere tra i neogenitori e incoraggia a dividerli equamente: io e mio marito faremo a metà. La maternità qui non è mai vista come una cosa negativa”. Una differenza colossale con i suoi colleghi italiani: “Molti dei miei più cari amici in Italia sono architetti, zero di loro ha un contratto a tempo indeterminato. Nessuno ha figli al momento e lavorano tutti a partita iva per degli studi”. Questo è il vero motivo per cui vede difficile un ritorno a casa, anche se ne sente il bisogno: “Mi manca la generosità italiana, la semplicità con cui la gente di dà una mano. Questa è la grande differenza tra i due Paesi: in Svezia si fidano dello Stato a occhi chiusi, mentre in Italia le persone si sostengono sempre tra loro, perché sanno c’è non c’è un sistema alle spalle che li aiuti”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO

DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.

Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI

Grazie Peter Gomez

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *