smart-money:-le-11-startup-vincitrici-si-raccontano

Smart Money: le 11 startup vincitrici si raccontano

In occasione del primo “Smart Money Demo Day” organizzato da Entopan Innovation e Invitalia, le startup vincitrici del bando hanno presentato i propri progetti.

Smart Money

Grande successo per il primo Demo Day organizzato da Entopan Innovation – l’incubatore, acceleratore e Hub di Open Innovation dell’Harmonic Innovation Group – realizzato in partnership con Invitalia.

Protagoniste della giornata le 11 startup aggiudicatrici dell’incentivo Smart Money che hanno scelto di avvalersi dell’esperienza di Entopan Innovation per accelerare la realizzazione dei propri progetti di sviluppo. Smart Money è la misura agevolativa che Invitalia ha destinato a progetti innovati in fase pre-seed o seed che vogliono avvalersi dei servizi specialistici e del know-how degli attori dell’ecosistema dell’innovazione.

Lo Smart Money Demo Day conclude un percorso di incubazione di 12 mesi, in cui i team hanno avuto l’opportunità di sviluppare il proprio progetto imprenditoriale potendo contare sulle competenze di Entopan Innovation e sui mentor del suo ecosistema. Le startup sono state accompagnate in un processo di crescita complessivo, dalla definizione del business model fino alle strategie di go-market. Un percorso di coaching, education e networking che le ha viste impegnate in 180 ore di confronto con startup manager dedicati, 40 ore di webinar e 800 ore di technical mentorship.

Durante il Demo Day le giovani realtà attive negli ambiti della Circular Economy, Smart Mobility, Industry 4.0 e Society 5.0 e provenienti da tutta Italia, hanno presentato il proprio progetto ad una platea di circa 100 stakeholder: partner tecnologici, corporate e investitori che, cogliendo e apprezzando il carattere innovativo e l’efficacia delle soluzioni proposte, si sono a loro volta resi protagonisti dell’evento, partecipando attivamente al momento di networking che ha concluso il Demo Day. Una conferma dell’efficacia dell’iniziativa, nata allo scopo di portare alla nascita di nuove sinergie e opportunità di business.

A chiudere la giornata le parole di Francesco Cicione, Presidente di Entopan e Founder dell’Harmonic Innovation Group, che ha esortato i nuovi imprenditori a coltivare e perseguire con tenacia la propria visione e di Rosario Varì, Assessore Regione Calabria allo Sviluppo Economico, che esprimendo grande apprezzamento per l’evento, ha confermato il forte impegno del Governo Regionale a favore della nuova imprenditorialità.

Nel corso dei lavori, è intervenuta Marina Senatore, Business Developer di Invitalia, che ha ribadito la volontà dell’Agenzia di continuare a sostenere le idee innovative e ha introdotto la Fase 2 di Smart Money, destinata alle startup che hanno completato l’intervento precedente e che ora possono richiedere un secondo contributo a fondo perduto per finanziare i loro piani di sviluppo, attivabile in presenza di ulteriori investimenti da parte di enti abilitati, oltre a investitori qualificati o business angels.

I progetti delle startup sono stati introdotti da Augusto Coppola, Advisor di Entopan Innovation, e la giornata ha visto i contributi di Paolo Ciaccio, CSO di Entopan, Vera Tomaino, Responsabile dei percorsi di incubazione di Entopan Innovation e Raffaele del Monaco, Responsabile della comunicazione strategica di Entopan.

Le 11 startup vincitrici del bando Smart Money

  • Babilot – Smart City. Babilot mira a promuovere la digitalizzazione dei servizi di Mobilità Urbana per rendere città, applicazione e veicoli completamente interconnessi, fluidificando l’esperienza degli utenti e garantendo il massimo livello di trasparenza dal punto di vista della gestione e del controllo della mobilità. Affiancherà Enti Pubblici e Privati nel monitoraggio degli stalli di sosta dedicati ad automobilisti portatori di handicap e possessori di auto elettrica.
  • Fortunale – Fashion Tech. Attualmente in fase pre-seed, Fortunale produce maglioni di lana biologica, derivante da allevamenti cruelty free, realizzati con tinture naturali e packaging plastic free. Per ogni maglione venduto, Fortunale pianta un albero in un terreno confiscato alla mafia, assegnando un codice che li identifica univocamente. I capi acquistati possono essere restituiti all’azienda che recupererà fino all’80% delle sue fibre per una nuova produzione.
  • Gentes – Education. Attraverso il progetto Refugee Restart, Gentes punta a realizzare un incubatore 100% online per rifugiati e migranti. I percorsi di incubazione proposti accompagneranno i migranti dalla definizione dell’idea fino all’accesso ai finanziamenti, con un approccio formativo sviluppato in considerazione delle loro difficoltà linguistiche e sociali.
  • Komposta – Green Tech. Komposta realizza compostiere elettromeccaniche capaci di ridurre l’impatto ambientale connesso allo smaltimento dei rifiuti organici, facilitandone la gestione da parte dei propri utenti, in modo da risolvere ogni criticità correlata (odori, costi ecc.). Nella fase di lancio, i clienti target individuati sono i ristoranti e eventi come le sagre, per espandersi in seguito anche alle strutture sanitarie, ai porti, alle mense, a comunità e condomini che opteranno per un compostaggio di tipo domestico.
  • Longevi – Healthcare. Longevi nasce con l’obiettivo di cambiare le consuete dinamiche paziente-specialista, proponendo pacchetti di abbonamento a servizi medici specialistici di tipo push: i pazienti decidono il tipo di percorso terapeutico più adatto (es. benessere, maternità, prevenzione, anziani) e è poi lo specialista o la clinica a contattarli per fissare i controlli necessari.
  • Nexstory – Media Tech. Nexstory vuole realizzare una community internazionale di autori, creativi, produttori e brand per favorire il matching tra domanda e offerta di contenuti, nonché la produzione collaborativa di nuove storie (TV, Cinema, Branded Content) attraverso una piattaforma tecnologica abilitante.
  • Nomads Embassy – Social Innovation. Nomads Embassy è stata fondata da due nomadi digitali che vogliono mettere la propria esperienza al servizio di chi fa la loro stessa scelta di vita, semplificando il processo di redazione delle documentazioni necessarie. Da una parte, garantisce agli utenti sicurezza sulla gestione e conservazione dei dati sensibili e, dall’altra, assicura agli studi legali partner il completo controllo sul workflow attraverso una dashboard studiata in ogni dettaglio.
  • Plasma TechMED – Healthcare. Plasma TechMED nasce dalle ricerche scientifiche condotte dal Consorzio RFX in collaborazione con l’Università di Padova e con quella di Catanzaro, che hanno portato a due brevetti per dispositivi medici al plasma. La startup ha l’obiettivo di commercializzare dispositivi innovativi basati sulla tecnologia del gas ionizzato a temperatura ambiente (plasma freddo) in campo biomedicale, ad esempio per la disinfezione, la rigenerazione dei tessuti e la cicatrizzazione.
  • Plastic Free Certification – Social Innovation. Plastic Free Certification nasce dall’incontro di esperienze provenienti dalla ricerca sulle scienze ambientali, dell’attivismo sociale e dell’ecologia. La startup ha lo scopo di proporre un nuovo servizio di certificazione ambientale per la promozione e il sostegno di percorsi di riduzione ed eliminazione di plastiche monouso di origine fossile.
  • TecWash – Manufacturing. TecWash produce un’innovativa lavatrice che, con un principio brevettato, è capace di lavare a pressione, disinfettare, risciacquare e asciugare giocattoli di qualsiasi forma, dimensione e materiale in unico ciclo, in conformità a qualsiasi protocollo d’igiene e a costi contenuti. Le lavatrici sono destinate prevalentemente all’utilizzo nelle scuole per l’infanzia e sono azionate attraverso un’app.
  • Tipstick – Fashion Tech. La mission di Tipstick è trasformare lo shopping online in un’esperienza socializzante che sappia unire l’esperienza d’acquisto virtuale con consigli e suggerimenti della community, permettendo a ciascun utente di identificare ed acquistare l’outfit giusto per qualsiasi occasione. Tipstick punta ad accorciare al massimo la filiera costruendo un rapporto diretto fra produttore e cliente finale con una totale disintermediazione delle vendite online, operando esclusivamente in modalità B2C.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *