sindaco-di-augusta-picchiato,-“sorpreso-uno-che-smaltiva-rifiuti-abusivamente”

Sindaco di Augusta picchiato, “sorpreso uno che smaltiva rifiuti abusivamente”

ha presentato una denuncia alla polizia

Aggressione al sindaco di Augusta, Giuseppe Di Mare, costretto a recarsi al Pronto soccorso dell’ospedale per via delle ferite riportate. A picchiarlo è stato un uomo che avrebbe reagito in modo violento al rimprovero del primo cittadino il quale lo ha sorpreso mentre smaltiva abusivamente degli scarti di lavorazione edile.

“Sono stato aggredito”

Di Mare ha rimediato 5 giorni di prognosi e dopo essere stato dimesso ha presentato una denuncia al commissariato di polizia. “Durante la pausa pranzo di oggi mi sono accorto – ha detto Di Mare – di questo cittadino che con menefreghismo e in maniera disinvolta, stava abbandonando dei rifiuti edili, in maniera del tutto irregolare, in un carrellato a servizio di un’attività commerciale. Mi sono avvicinato a lui e in maniera educata gli ho chiesto di riportare indietro i rifiuti e di provvedere successivamente a conferirli in maniera idonea. Ha reagito in maniera del tutto spropositata iniziando, dapprima con le minacce verbali e subito dopo passando a quelle fisiche”.

I precedenti

Il sindaco assicura di aver subito minacce nel corso del suo mandato. “Non è la prima volta da quando faccio il Sindaco che mi capita di ricevere minacce, atti vandalici e improperi sui social che puntualmente ho denunciato” aggiunge il capo dell’amministrazione di Augusta.

“La misura è colma”

E’ un fiume in piena il sindaco di Augusta. “La misura è colma – dice il sindaco di Augusta Giuseppe Di Mare – già da un pezzo ma qualcuno ha fatto i conti male. Sapevo che da Sindaco queste cose potevano succedere e non ho avuto mai paura di affrontarle. Io ho le spalle larghe e non ho intenzione di indietreggiare neanche di un millimetro. Io sono qui, mi metto in gioco ogni santo giorno per la mia Augusta e non mi fermo davanti a nulla perchè sono certo di avere accanto l’affetto della mia città”

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *