selvaggia-lucarelli:-e-morta-mia-madre

Selvaggia Lucarelli: è morta mia madre

Sesto San Giovanni – E’ morta la mamma di Selvaggia Lucarelli.

A darne notizia è stata la figlia: “Questa mattina presto mia madre, Nadia, è morta. È morta di Covid e di compromessi. I compromessi che tutti abbiamo accettato per continuare a vivere, lasciando inevitabilmente indietro qualcuno. Quelli come lei, nella maggior parte dei casi: i fragili. Non sono arrabbiata, perché io stessa ho ripreso il passo veloce di chi ha urgenza di vivere. E so che mia madre, che era prima di tutto una donna generosa, altruista, sempre in pena per il mondo, avrebbe barattato- anche consapevolmente- il suo sacrificio per il nipote che torna a scuola, per me che torno a viaggiare, per suo marito che può passeggiare nel parco, per la vita di tutti che ricomincia a germogliare. Mi piace pensare che se ne sia andata all’alba per questo: per salutarci tutti e augurarci una bella giornata, “correte, non vi preoccupate per me”. Come era lei, come ha vissuto”.

Il ricovero sabato 6 novembre

Da sabato 6 novembre Nadia, malata di Alzheimer e risultata positiva al Covid, era ricoverata alla Multimedica di Sesto San Giovanni. Selvaggia Lucarelli aveva affidato, come di consueto, ai social il suo sfogo sul modo in cui la struttura sta gestendo la malattia della madre.

Tutto è iniziato, appunto, sabato, quando l’Rsa dove la donna è ricoverata ormai da tempo ha chiamato il 118 per l’aggravarsi delle sue condizioni di salute: “Mia madre prende il Covid e dalla zona Moscova (centro) viene portata dal 118 a Sesto San Giovanni, al Multimedica”, esordisce Selvaggia Lucarelli, ripercorrendo quanto accaduto negli ultimi giorni.

“Uno dice: si vede che c’era posto lì. No, non c’è posto nel reparto Covid, quindi come ai tempi del picco della pandemia se ne rimane in pronto soccorso. È lì da sabato. Sabato ci dicono che le lastre sono ok, domenica che ha polmonite interstiziale. Allora mi preoccupo per la confusione e vado lì. Un medico ci dice che ha ossigeno al 50% e conferma l’infiammazione. ‘Però non abbiamo referto, non funziona la stampante’”. “Mia madre non parla, ha l’Alzheimer, non ha telefono, non è in grado di usarlo. Dalle 17 proviamo a chiamare sia io che mio fratello. ‘Chiami dopo’. Poi telefono occupato. Poi musichetta. Poi ‘chiami quando c’è il cambio turno’.

Arriviamo alle 21. Finalmente un medico mi parla. Ma a stento parla italiano, sembra straniero – scrive ancora Selvaggia Lucarelli – ‘Sono la figlia di Nadia, è ricoverata col Covid, non ho notizie da ieri pomeriggio‘. Pausa. ‘E che cosa vuole sapere?‘. ‘Mah, se mi vuole dare due numeri del Lotto’, volevo rispondere. Fatto sta che mi dice tre parole tirate fuori con il forcipe: ‘Come ieri, né meglio né peggio. Magari domani facciamo ricovero’. ‘Ma si è liberato un posto in reparto?’. ‘Domani vediamo’. Fine. ‘Eh ma la sanità lombarda..’”, concludeva ironica.

Oggi selvaggia ha dato la notizia della morte della mamma. 

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *