sbarco-di-migranti-nel-siracusano,-60-stranieri-bloccati-a-terra

Sbarco di migranti nel Siracusano, 60 stranieri bloccati a terra

sono arrivati a marzamemi

Nuovo sbarco di migranti nel Siracusano: sono circa 60 gli stranieri, presumibilmente di origine egiziana, bloccati  a terra dalle forze dell’ordine. Secondo quanto emerge da fonti investigative, erano già scesi dal loro barcone, arrivato in modo autonomo, infilatosi tra le maglie delle navi che presidiano le acque territoriali italiane.

Già sbarcati 800 migranti nel Siracusano

Sono 800 i migranti giunti al porto di Augusta, nel Siracusano, in una settimana. Sono i numeri forniti dalla Questura di Siracusa che gestisce, con il coordinamento della Prefettura, gli arrivi degli stranieri, provenienti, stando ai dati della polizia, da vari paesi, tra cui Egitto, Bangladesh e Tunisia.

Ultimo sbarco nella notte con 350 migranti

Sono 350 i migranti giunti ieri notte Augusta a bordo della nave militare Peluso.  Lo sbarco, che si aggiunge a quello avvenuto a Pozzallo con 48 stranieri, è giunto al termine di una giornata che ha visto le unità della Guardia costiera impegnate in un maxi soccorso di circa 700 persone.

I porti da sbarco

Roccella Jonica, Messina, Catania, Augusta e Pozzallo sono le città interessate dell’accoglienza dei migranti: nella città dello Stretto due motovedette della Guardia di Finanza con 153 persone (102 uomini, 11 donne e 40 minori di cui 35 non accompagnati) e 62 (59 uomini e 3 minori non accompagnati) e a Catania 208 persone da un mezzo navale della Guardia (costiera e tra loro altri 17 minori non accompagnati). Le nazionalità di provenienza sono Egitto, Siria, Bangladesh e Pakistan. Tutti erano partiti dalla Libia.

Il più consistente numero di migranti, circa 350, è sbarcato in Calabria da un rimorchiatore che li aveva messi in salvo. Ancora a Pozzallo c’erano stati due sbarchi, ma da eventi diversi: all’alba di ieri 78 persone erano state portate da Gdf e Guardia costiera, messe in salvo da due barchini, tutti uomini originari del Bangladesh.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *