salvatore-aranzulla-confessa:-“sono-svenuto-sotto-un-bilanciere-da-cento-chili-in-palestra,-potevo-morire.-ora-soffro-di-attacchi-di-panico”

Salvatore Aranzulla confessa: “Sono svenuto sotto un bilanciere da cento chili in palestra, potevo morire. Ora soffro di attacchi di panico”

Divulgatore informatico e imprenditore, è entrato in punta di piedi nelle case degli italiani. O meglio: nei pc, negli smartphone e nei tablet di milioni di persone. Salvatore Aranzulla è il rifugio di chiunque abbia un problema o anche solo un dubbio digitale. In due decenni, circondandosi di soli collaboratori, ha costruito un vasto impero economico e la sua azienda, la Aranzulla S.r.l., è in costante crescita. Il segreto di tanto successo? Rigore, precisione metodo. Il suo primo articolo, ‘come installare una stampante’, è di gennaio 2002 e ancora oggi, a 32 anni, Aranzulla programma, studia contratti, fa consulenze (a 10mila euro all’ora) e scrive articoli. In Italia, il sito Aranzulla.it è più visitato di Amazon e dichiara, per il 2021, 3,8 milioni di fatturato: offre 15mila pagine su problemi tecnologici di ogni tipo, da ‘come accendere un pc’, fino alla scelta di un antivirus, di un nuovo smartphone e di un gestore telefonico. Ogni giorno, più di 690mila utenti lo consultano ed è così cliccato che, se si cerca su Google ‘come usare Google’, la prima soluzione offerta, ancor prima di Google stesso, è un articolo di Aranzulla.

Intervistato dal Corriere, l’informatico ha raccontato della passione per il suo lavoro, parlando anche delle nuove generazioni: “Potrei non lavorare più. Lo faccio perché mi piace. Ma appena metto il naso fuori dall’ufficio impazzisco: il mondo del lavoro è pieno di scappati di casa”. E ancora: “Le aziende assumono giovani incapaci per risparmiare. Ci ho a che fare ogni giorno. Vogliono un testimonial. Dicono: fissiamo una call. Io chiedo prima: avete il budget? Risposta: per ora no, ma sentiamoci lo stesso, anche solo per raccontarci le vacanze. Le vacanze? Ma che lavoro fa questa gente illicenziabile? Telefona?”. Poi un tuffo nel passato: “Quando sono venuto a Milano, a diciott’anni, il mio sito fruttava 36 mila euro l’anno. Ci dovevo pagare le tasse, l’affitto, la retta in Bocconi. Non è che potessi non lavorare. Oggi mi pare che i genitori difendano sempre i figli, facendone imbecilli. I modelli sono rapper analfabeti e tiktoker che lasciano la scuola. Cambia l’algoritmo, e vanno in rovina. A cinquant’anni chi si occuperà di loro?”.

Nel corso dell’intervista, c’è stato spazio anche per rivelare i guadagni del sito: “Il fatturato 2021 era di 3,8 milioni. Il 50% viene da pubblicità. Il 25% da link affiliati alle aziende. Il restante 25% sono i corsi che faccio, le collaborazioni in cui sono testimonial. Da due anni ho disdetto tutti i miei investimenti in prodotti di banche italiane, che sono costosi e hanno rendimenti imbarazzanti. Faccio da solo”. Sugli interessi degli italiani, invece: “Le domande cambiano. Oggi la più frequente è come funziona Only Fans e se bisogna pagare”. Aranzulla non ha mai smesso di amare il suo lavoro e, anche quando ha tentato di godersi un po’ di riposo, non ne ha potuto fare a meno: “Al trentesimo compleanno ho preso due settimane di pausa. Mi cullavo con l’idea di non lavorare più: potrei. Ma mi annoiai. In un giorno ho finito i miei libri di Agatha Christie, Netflix mi stufava. Ieri c’era un procedimento che richiedeva 68 minuti. Io e il mio programmatore lo abbiamo riprogrammato, ora ne impiega uno. Questa roba per me è meglio del sudoku”.

In una breve parentesi sulla salute, inoltre, l’imprenditore ha rivelato di soffrire di attacchi di panico: “In palestra sono svenuto sotto un bilanciere da cento chili. Potevo morire. Di lì ho iniziato a soffrire di attacchi di panico. Ne ho parlato in una seduta, e ho avuto un attacco anche lì. La terapeuta non sapeva che fare”. Infine, un parere sul reddito di cittadinanza: “Folle assistenzialismo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO

DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.

Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI

Grazie Peter Gomez

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.