salerno,-bimba-di-due-anni-cade-dalla-finestra-del-terzo-piano:-arrestato-il-padre.-la-piccola-non-e-in-pericolo-di-vita-–-il-fatto-quotidiano

Salerno, bimba di due anni cade dalla finestra del terzo piano: arrestato il padre. La piccola non è in pericolo di vita – Il Fatto Quotidiano

| 30 Ottobre 2022

Una bimba di due anni è caduta dalla finestra al terzo piano della sua abitazione a Fisciano in provincia di Salerno riportando diverse escoriazioni al volto e una frattura alla spalla. La piccola non è in pericolo di vita. Non si conosce l’esatta dinamica di quanto accaduto, ma i carabinieri hanno arrestato il padre della bambina, secondo quanto si apprende da fonti investigative.

Trasportata inizialmente all’ospedale di Salerno è stata poi trasferita all’ospedale pediatrico Santobono di Napoli dove è tuttora ricoverata. Con ogni probabilità l’impatto a terra è stato attutito da una rete di ferro che si trova nell’area sottostante l’edificio.

Quando i volontari de “La Solidarietà” di Fisciano sono arrivati in corso San Vincenzo, la piccola piangeva ed era chiaramente spaventata. I soccorritori l’hanno trovata sull’asfalto e trasportata, appunto, inizialmente al “Ruggi” di Salerno e poi al presidio del capoluogo.

Per l’esatta ricostruzione di quanto accaduto si attende l’esito dei rilievi effettuati dal personale della scientifica, coordinato dal sostituto procuratore del Tribunale di Nocera Inferiore, Roberto Lenza. Le indagini sono state affidate ai carabinieri della compagnia di Mercato San Severino, agli ordini del comandante Massimo Avallone.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:

portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.

Grazie Peter Gomez

Articolo Precedente

Jonas Hainz è morto sul Monte Magro. L’alpinista 25enne aveva arrampicato la Moulin Rouge in ‘free solo’

next

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *