riqualificare-la-via-amari,-confronto-tra-comune-ed-esercenti-“prezioso-asse-commerciale”

Riqualificare la via Amari, confronto tra Comune ed esercenti “Prezioso asse commerciale”

Confronto al Comune di Palermo con la categoria

Riqualificare e rilanciare la via Emerico Amari per renderla zona di attrazione commerciale per Palermo. E’ questa l’idea di base su cui sta lavorando l’amministrazione comunale. Se n’è parlato nei locali dell’assessorato all’Urbanistica nel corso di una riunione congiunta tra l’assessore alla Rigenerazione urbana, Maurizio Carta, l’assessore alle Attività produttive, Giuliano Forzinetti, insieme ai rispettivi uffici, e agli esercenti di via Emerico Amari. L’obiettivo è quello di condividere il progetto, già in corso di realizzazione, per la riqualificazione della via e la sua trasformazione in prezioso asse commerciale, del ristoro e del tempo libero. Oltre che uno spazio pubblico che possa accogliere in maniera adeguata sia i turisti che arrivano dal porto, sia i cittadini palermitani che si riappropriano di uno spazio importante restituito alla fruizione pedonale.

“Momento di condivisione”

“Si è trattato di un importante momento di condivisione e di corresponsabilità – hanno fatto sapere gli assessori Carta e Forzinetti in una nota – per inaugurare un modello di amministrazione pubblica, promosso dal sindaco Roberto Lagalla, che non progetta nel chiuso di un ufficio e a compartimenti stagni, ma che si confronta innanzitutto tra uffici. La riqualificazione di uno spazio pubblico con attività commerciali all’aperto è una questione urbanistica e produttiva insieme – hanno aggiunto – che si confronta con trasparenza con i portatori di interesse locale e con coloro che sono i primi destinatari di ogni intervento di trasformazione: invece di subire decisioni o creare un conflitto rispetto agli interventi, concorrono in maniera proficua alla definizione della migliore soluzione per garantire l’interesse pubblico e l’agevolazione delle attività produttive in una città che ha bisogno di riattivare il proprio dinamismo economico”.

Progetto “migliorato”

Nel corso della riunione si è giunti a un miglioramento della soluzione progettuale che sarà approfondita dall’ufficio interventi di decoro e arredo urbano, dall’ufficio tecnico del Suap insieme alla Soprintendenza ai Beni Culturali e Ambientali per le necessarie verifiche tecniche, urbanistiche ed estetiche, in modo da pervenire in tempi rapidi alla sua realizzazione. Il Comune di Palermo, intanto, ha già attivato la procedura per la fornitura degli arredi e delle piante.

L’assenso dei commercianti

“Siamo soddisfatti sia per il risultato raggiunto nel miglioramento e approfondimento dell’idea progettuale – hanno dichiarato Carta e Forzinetti – sia per l’avvio di un metodo di lavoro sulla rigenerazione di una parte di città che dovrà essere esteso anche ad altre zone di Palermo, dove urbanistica, rigenerazione urbana e attività produttive dovranno trovare inevitabile sintesi e doverosa compartecipazione alle scelte con i portatori di interessi locali che, quindi, diventeranno i primi custodi degli interventi e presìdi quotidiani contro usi impropri degli spazi recuperati”. Compiacimento, secondo quanto riporta la nota del Comune, è stato espresso anche dagli esercenti di via Amari per “un metodo di lavoro condiviso che stabilisce un modello di corresponsabilità verso la qualità, la sicurezza e l’attrattività dello spazio pubblico, nonché per la priorità assegnata alla tematica dell’integrazione tra riqualificazione e commercio in un’area così delicata della città”.

Articoli correlati

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.