referendum-e-amministrative:-gli-errori-da-non-commettere-nella-cabina-elettorale-il-12-giugno

Referendum e Amministrative: gli errori da non commettere nella cabina elettorale il 12 giugno

Il 12 giugno prossimo i siciliani, in molti comuni, saranno chiamati alle urne per i referendum sulla giustizia e le Amministrative. Saranno sette le schede che verranno distribuite agli elettori e le possibilità di commettere involontariamente errori sono tante. Ecco cosa non va assolutamente fatto al seggio e dentro la cabina.

Le schede

Ci saranno 7 schede: blu per votare il candidato a sindaco di Palermo e i consiglieri comunali, rosa per votare il presidente delle Circoscrizioni e i consiglieri, 5 schede saranno invece per gli altrettanti quesiti referendari.

Non sovrapporre le schede

Gli elettori che dovranno esprimere le preferenze non dovranno mettere le schede l’una sopra l’altra durante il voto perchè il segno potrebbe essere ricalcato in quella sottostante.

Niente foto in cabina

È vietato fotografare la scheda nella cabina elettorale. Alcuni anni fa la Cassazione ha condannato in via definitiva a una pena pecuniaria di 15 mila euro un 77enne che aveva fotografato la sua scheda nelle elezioni politiche del 2013.

I segni da non fare

Per il Consiglio comunale è previsto il voto disgiunto per cui la scheda (colore blu) sarà valida soltanto in alcuni casi: si può votare un sindaco di uno schieramento e il/i consigliere/i (massimo 2 e di sesso diverso) del partito avversario; si può indicare un solo nome di consigliere oppure due nomi ma di sesso differente; si può votare solo il sindaco; si possono votare soltanto i consiglieri. Qualora vengano indicati due candidati entrambi uomini o donne la scheda verrà annullata. È vietato apporre in tutte le schede, sia quelle relative ai referendum che alle Amministrative, qualsiasi altra indicazione o fare segni.

Tessera elettorale e documento di identità

Al seggio occorre portare sia la tessera elettorale che un documento di identità valido. Chi ha smarrito la propria tessera può chiederne il duplicato agli uffici comunali, prima di recarsi ai seggi.

La matita va riconsegnata

Prima di uscire dal seggio, oltre a riporre le schede nelle rispettive urne, si dovrà riconsegnare la matita copiativa al presidente o agli scrutatori.

© Riproduzione riservata

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.