premier-league:-city-campione-col-brivido,-tottenham-in-champions

Premier League: City campione col brivido, Tottenham in Champions

3 minuti (tempo di lettura)

Emozioni e colpi di scena a non finire nell’ultima giornata di Premier League, con tutte e dieci le gare in contemporanea e tanti verdetti ancora in ballo. Tra questi, il più importante è senza dubbio quello relativo al testa a testa in vetta alla classifica tra il Manchester City primo a quota 90 punti e il Liverpool secondo a 89. A spuntarla sono i Citizens, che soffrono tantissimo al cospetto dell’Aston Villa ma riescono a sbrogliare la matassa nel finale della seconda frazione di gioco, conquistando così il campionato al termine di un avvincente duello col Liverpool.

I campioni in carica vanno sorprendentemente in svantaggio al 37’ per effetto di un colpo di testa vincente di Cash su assist di Digne. Non va meglio ai Reds, che dopo appena tre minuti di gioco vengono colpiti da Pedro Neto, che insacca da due passi su invito di Raúl Jiménez. Ci pensa Mané a riportare il punteggio in equilibrio al 24’, ma all’intervallo – nonostante il contemporaneo ko del City – gli uomini di Klopp sono ancora secondi. Un punto, infatti, non è sufficiente per il sorpasso: con entrambe in testa a quota 90 punti, a prevalere sono i Citizens in virtù di una differenza reti decisamente migliore (+71 a +66).

Nella ripresa, l’Aston Villa trova addirittura il raddoppio, firmato da Coutinho al 69’. Sembra il classico colpo del ko, ma al 76’ Gündoğan riapre tutto con un colpo di testa da distanza ravvicinata su assist di Sterling e due minuti più tardi Rodri pareggia con un preciso destro dal limite dell’area. All’81’, infine, è nuovamente Gündoğan a siglare la rete che vale la rimonta definitiva e, soprattutto, la vittoria della Premier per la seconda stagione consecutiva. A nulla valgono, infatti, i gol di Salah che riporta avanti il Liverpool all’84’ e di Robertson, che fissa il risultato sul 3-1 all’89’.

https://twitter.com/mancity/status/1528425352678211584?s=21&t=qxSPHQD2W4S5wh37jk5rWg

In zona retrocessione, invece, Watford e Norwich, impegnate rispettivamente con Chelsea in trasferta e Tottenham in casa, sono già da tempo retrocesse in Championship dopo un solo anno in massima serie. A giocarsi l’ultimo posto valevole per la permanenza in Premier League sono Burnley e Leeds. Entrambe devono fare i conti con due squadre capaci di tagliare il traguardo della salvezza in largo anticipo.

I Clarets cadono tra le mura amiche col Newcastle (1-2, doppietta di Callum Wilson per i Magpies e gol di Cornet per i padroni di casa), mentre i Whites pareggiano 1-1 sul campo del Brentford, con Raphinha che apre i conti su rigore al 56’ e Sergi Canós che firma il pari al 78’, prima del match winner di Harrison in pieno recupero. La vittoria al fotofinish regala agli uomini di Jesse Marsch la salvezza ai danni del Burnley, che torna in Championship dopo ben cinque salvezze consecutive.

A 90’ dal termine della stagione di Premier League, restano da assegnare anche un posto in Champions League, uno in Europa League e uno in Conference League. A contendersi l’approdo nella Coppa dalle grandi orecchie sono le due acerrime rivali londinesi Tottenham e Arsenal, con gli Spurs che difendono il proprio vantaggio sui Gunners. Agli uomini di Antonio Conte, infatti, basta il netto successo in casa del già retrocesso Norwich per archiviare la pratica (0-5). Decisive le doppiette di Kulusevski e Son e la rete di Kane.

Ai ragazzi di Arteta, invece, non basta la larga vittoria interna per 5-1 con l’Everton di Lampard già salvo (a segno Martinelli dal dischetto al 27’, Nketiah al 31’, Cédric al 56’, Gabriel al 59’ e Ødegaard all’82’ per i londinesi e Van de Beek nel recupero del primo tempo per gli ospiti). L’altro slot in Europa League va al Manchester United, sconfitto in trasferta col Crystal Palace sotto gli occhi di Erik ten Hag (1-0, gol dell’ex di turno Zaha al 37’). Nonostante ciò, i Red Devils restano al sesto posto in virtù del successo del Brighton col West Ham (3-1, a segno Antonio al 40’ per gli ospiti, pari di Veltman al 50’, vantaggio di Gross all’80’ e colpo del ko di Welbeck nel recupero per i padroni di casa).

Tra le squadre che non avevano più nulla da chiedere al campionato, il Chelsea batte di misura il già retrocesso Watford (2-1) grazie alle reti di Havertz all’11’ e Barkley nel recupero del secondo tempo, che rendono vano il momentaneo pareggio di Gosling all’87’. Il Leicester travolge il Southampton 4-1 con reti di Maddison al 49’ e Vardy al 74’ e doppietta di Ayoze Pérez nel finale per le Foxes e penalty di Ward-Prowse al 79’ per i Saints. Di seguito la classifica e i migliori marcatori al termine della trentottesima ed ultima giornata di Premier League.

CLASSIFICA

1º Manchester City – 93

2º Liverpool – 92

3º Chelsea – 73

4º Tottenham – 71

5º Arsenal – 69

6º Manchester United – 58 

7º West Ham – 56

8º Leicester – 52

9º Brighton – 51

10º Wolverhampton – 51 

11º Newcastle – 49 

12º Crystal Palace – 48 

13º Brentford – 46 

14º Aston Villa – 45 

15º Southampton – 40 

16º Everton – 39 

17º Leeds – 38

18º Burnley – 35 

19º Watford – 23

20º Norwich – 22

CLASSIFICA MARCATORI

1º (due giocatori) – Mohamed Salah (Liverpool), Heung-min Son (Tottenham): 23 gol;

2º – Cristiano Ronaldo (Manchester United): 18 gol;

3º – Harry Kane (Tottenham): 17 gol;

4º – Sadio Mané (Liverpool): 16 gol;

5º (tre giocatori) – Kevin De Bruyne (Manchester City), Jamie Vardy (Leicester), Diogo Jota (Liverpool): 15 gol;

6º – Wilfried Zaha (Crystal Palace): 14 gol;

7º – Raheem Sterling (Manchester City): 13 gol;

8º (tre giocatori) – Ivan Toney (Brentford), James Maddison (Leicester), Jarrod Bowen (West Ham): 12 gol;

9º (sei giocatori) – Bukayo Saka (Arsenal), Ollie Watkins (Aston Villa), Mason Mount (Chelsea), Raphinha (Leeds), Riyad Mahrez (Manchester City), Teemu Pukki (Norwich): 11 gol;

10º (sei giocatori) – Emile Smith-Rowe (Arsenal), Richarlison (Everton), Bruno Fernandes (Manchester United), James Ward-Prowse (Southampton), Michail Antonio (West Ham), Emmanuel Dennis (Watford): 10 gol;

Dennis Izzo

Fonte foto in evidenza: Profilo Twitter Manchester City

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Articoli di proprietà di Voci di Città, rilasciati sotto licenza Creative Commons.
Sei libero di ridistribuirli e riprodurli, citando la fonte.

L’articolo Premier League: City campione col brivido, Tottenham in Champions proviene da Voci di Città.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.