piu-potenti-contro-gli-attacchi-informatici

Più potenti contro gli attacchi informatici

Christoph Erni di Juice Technology considera la mobilità elettrica come un sistema globale ed è quindi fondamentale proteggere le infrastrutture di ricarica dagli attacchi informatici con pratiche di sicurezza preventive.

attacchi informatici

Ransomware, brute force, DDoS e simili: lo zoo dei parassiti della criminalità informatica è in costante crescita e quasi nessuno se ne interessa fino a quando non è costretto a intervenire il disinfestatore. Ma attenzione: come un bio-virus, i parassiti informatici possono colpire chiunque. Solo di recente, una nota società tedesca che opera nel campo del software ha dovuto mettere offline i propri server a causa di un attacco informatico. Secondo l’azienda, il danno era (solo) limitato ai sistemi interni. I servizi cloud per i clienti sarebbero quindi stati risparmiati dall’attacco. Tuttavia, l’esempio dimostra che anche le aziende di software non sono immuni da attacchi informatici.

Anche se non vengono rubati dati e le operazioni produttive non vengono compromesse, ogni attacco blocca le capacità e rallenta la produttività, spesso per mesi. Gli attacchi informatici sono in aumento in tutto il mondo e causano danni per miliardi di dollari. Un’indagine internazionale condotta da Statista ha dimostrato che, in media, un’azienda su due è stata vittima di un attacco informatico almeno una volta nel corso di un anno. Eppure, il software è la spina dorsale del mondo moderno.

La mobilità elettrica è vista come una spinta alla digitalizzazione della mobilità motorizzata individuale. Ciò si traduce in una sempre maggiore interconnessione tra auto, stazioni di ricarica, operatori di rete e sistemi di gestione dell’energia. Tuttavia, questo aumenta inevitabilmente il rischio di guasti, poiché i guasti nei sistemi elettronici possono diffondersi oltre i singoli sottosistemi.

Di fronte a scenari orribili come un blackout, non è necessario bloccarsi come un coniglio di fronte a un serpente. Il modo migliore per ridurre i rischi informatici è una buona prevenzione. Un approccio orientato alla sicurezza è fondamentale. Ciò significa che l’aspetto della sicurezza deve essere saldamente ancorato già nella fase di progettazione e sviluppo. Anche se questo dovrebbe essere ovvio, non viene praticato ovunque. Sebbene questo dovrebbe essere ovvio, non è affatto praticato ovunque.

La sicurezza delle informazioni e la protezione dei dati hanno una grande importanza per Juice e le relative misure vengono continuamente implementate. Inoltre, le stazioni di ricarica devono soddisfare i più elevati standard dell’industria automobilistica. Ecco perché Juice è certificata ISO/SAE 21434 dal 2022. Ciò significa che tutti i sistemi elettronici, i componenti, il software e tutte le connessioni esterne sono trattati dal punto di vista della sicurezza informatica. La direttiva riguarda anche la gestione della sicurezza informatica lungo tutta la catena di fornitura. Lo standard è stato creato per i veicoli, ma segue un approccio “security by design”. Lo standard ISO 15118 delle stazioni di ricarica garantisce che la connessione dati tra l’infrastruttura e il veicolo sia protetta da accessi indesiderati e manipolazioni dall’esterno.

Nel complesso, l’infrastruttura di ricarica connessa e controllata in modo intelligente svolge un ruolo fondamentale per la mobilità elettrica, che ha superato la sua fase iniziale. Perché le stazioni di ricarica stanno diventando nodi importanti con la crescente interconnessione di veicoli, sistemi di controllo domestico e il collegamento a fornitori di energia. Le stazioni di ricarica intelligenti non devono solo offrire un servizio ai conducenti di veicoli elettrici, ma anche essere un elemento stabilizzante nella rete elettrica. Il punto è il software. Da esso dipendono la connettività, la sicurezza e quindi la sostenibilità dei singoli dispositivi e, in ultima analisi, dell’intera rete intelligente.

Tuttavia, la connessione intelligente non deve avvenire solo a livello tecnico, ma anche tra industria, fornitori di energia e autorità. Tutte le parti coinvolte devono rendersi conto che con ogni nuovo attore connesso alla rete e che comunica con gli altri, l’intera infrastruttura diventa più vulnerabile. Una protezione efficace contro gli attacchi informatici può quindi essere raggiunta solo quando la mobilità elettrica viene intesa da tutte le parti come un sistema globale connesso. Si tratta di una consapevolezza che dovrebbe arrivare rapidamente, in quanto i settori dei trasporti e dell’energia sono tra le infrastrutture critiche che necessitano di una protezione speciale.

di Christoph Erni, fondatore e CEO di Juice Technology

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *