nunzio-sognava-la-finale-di-amici,-ora-spera-di-lavorare-con-un-prof-del-talent

Nunzio sognava la finale di Amici, ora spera di lavorare con un prof del talent

23 Mag 2022 Fabiano Minacci • Tempo di lettura: 2 minuti

Nunzio Stancampiano voleva vincere Amici

Nonostante sia entrato ufficialmente nella scuola di Amici a febbraio, Nunzio Stancampiano è diventato subito uno dei protagonisti del programma. Il ballerino siciliano ha detto di aver immaginato di vincere il talent e ai microfoni di Whoopsee ha svelato quando ha iniziato a sperare di arrivare in finale.

“All’inizio del serale devo dire che non pensavo affatto alla finale. In quel periodo pensavo alla puntata stessa, non mi domandavo troppo cosa sarebbe successo. Poi – come dico sempre – il gioco si è fatto più duro e dopo le prime puntate ho iniziato anche io a giocare. E allora lì ho sognato in grande e ho pensato alla finale. Però poi fa parte del gioco uscire. Ogni puntata c’è un eliminato, bisogna farsene una ragione e andare avanti”.

Ma Nunzio canta anche bene sto maleeee cosa non sa fare questo ragazzo. Comunque loro due insieme>>>>> #amici21 https://t.co/jofa61fOYH

— iamamexal (@iamamexal) May 22, 2022

Nunzio: “Vorrei tanto lavorare con Raimondo”.

“Sì ho detto che Todaro è come un padre. Certo che mi piacerebbe lavorare con lui, perché no?! Lui sa la stima che ho nei suoi confronti. Sanno tutto il rapporto che ho con lui, perché lui mi ha cresciuto, mi ha dato soprattutto le basi di questo mestiere per costruire il mio talento. Lui è stato uno dei pilastri più importanti della mia carriera, perché se oggi sono così è frutto dei maestri che ho adesso, però mi ha cresciuto Raimondo e mi ha introdotto lui in questo ambiente. – ha continuato Nunzio – Quindi se mi chiedete se vorrei tanto lavorare con lui vi dico sì certamente.

A parte Raimondo c’è un’altra prof a cui devo tantissimo. Parlo di Alessandra Celentano, che è stata molto severa con me, però allo stesso tempo mi ha insegnato molto. Anzi devo dire che a livello caratteriale mi ha cambiato più le che tutti gli altri. perché mi ha messo in competizione con me stesso. Lei è stata un’ottima insegnante di vita. La porterò sempre nel cuore e dico davvero”.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.