migranti,-piantedosi:-“navi-in-acque-italiane-solo-per-soccorsi”-–-lapresse

Migranti, Piantedosi: “Navi in acque italiane solo per soccorsi” – LaPresse

Conferenza stampa al termine del Consiglio dei ministri

L’Italia, ha spiegato il ministro dell’Interno, è pronta a farsi carico delle esigenze umanitarie, ma chi non è in stato di bisogno dovrà lasciare il mare territoriale

4 Novembre 2022

La nave Humanity 1, con a bordo 179 migranti, sta per entrare nelle acque territoriali italiane ma ci potrà restare solo per i soccorsi umanitari. Ad annunciarlo è stato il ministro dell’Interno, Matteo Piantedosi, in conferenza stampa dopo il Consiglio dei ministri di questa sera. “Abbiamo adottato un provvedimento interministeriale che impone a questa nave di fermarsi in rada e potrà permanere in acque territoriali italiane solo per consentirci di vedere le emergenze a bordo“, ha detto il titolare del Viminale, precisando che l’Italia è pronta a farsi carico “delle esigenze di carattere umanitario o sanitario, riguardanti per esempio minori o donne in stato di gravidanza e chiunque dovesse avere bisogno di assistenza”. Chi non si trova in queste condizioni, invece, dovrà lasciare le acque territoriali

Gli obblighi di assistenza, ha continuato, spettano anche ai paesi di bandiera delle navi: “Sulla questione delle navi delle ong noi sosteniamo che sia un problema che va condiviso con i paesi di bandiera: riteniamo che, in ossequio ai principi di diritto internazionale, se si sale su una nave è come se si fosse saliti su un’isola sotto l’egida territoriale di quel paese, e questo dovrebbe far radicare gli obblighi di assistenza”. 

Piantedosi ha anche annunciato che un’altra nave è entrata nelle acque territoriali italiane, dirigendosi verso Siracusa: sono 94 le persone a bordo ed è stato segnalato un tentativo di rivolta

© Copyright LaPresse – Riproduzione Riservata

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *