mazara,-l’1-novembre-in-quanto-festivo-non-si-effettua-la-raccolta-porta-a-porta-di-carta-e-cartone-–-televallo

Mazara, l’1 novembre in quanto festivo non si effettua la raccolta porta a porta di carta e cartone – Televallo

  • La Russa “Io onoro il 25 Aprile e voglio unire il Paese”

    by Redazione on 31 Ottobre 2022 at 09:40

    ROMA (ITALPRESS) – “Lei sa leggere bene e non può fingere di non capire che ho detto chiaramente non solo di rispettare la ricorrenza ma anche, quando ho avuto un alto ruolo istituzionale, di averla onorata deponendo, con atto non dovuto, fiori al Monumento dei partigiani nel cimitero di Milano. Additare invece il carattere divisivo di diversi cortei del 25 aprile (ricorda come fu trattato il padre partigiano di Letizia Moratti, l’accoglienza riservata alla Brigata ebraica, i fischi a molti antifascisti non comunisti?) significa che è forte in me il desiderio di una pacifica celebrazione di tutti per la libertà riconquistata nel 1945″. Così il presidente del Senato Ignazio La Russa in una lettera al direttore de La Stampa, Massimo Giannini, pubblicata dal quotidiano dopo le polemiche del 30 ottobre sulle sue dichiarazioni sul 25 aprile.”Stia sereno, non organizzerò cortei alternativi anche perchè, come ho già dimostrato, si può celebrare meglio e bene la ricorrenza – aggiunge -. Mi auguro che lei (che ne sono certo non è mai stato ad esempio a Redipuglia dove il 4 novembre sarò in veste istituzionale) non faccia orecchie da mercante. Forse in cuor suo si è reso conto che la mia intervista non meritava quel titolo e che, le piaccia o meno, il mio sforzo è teso a superare divisioni molto spesso strumentali e a fare quanto in mio potere per contribuire a riunire la Nazione attorno a valori comuni e ad una storia condivisa. Io me lo auguro”.- foto Agenziafotogramma.it -(ITALPRESS).

  • Ucraina, Mattarella “Pace va pazientemente costruita e garantita”

    by Redazione on 31 Ottobre 2022 at 07:50

    ROMA (ITALPRESS) – “A fronte delle sfide molto impegnative che si presentano davanti a noi – prima fra tutte la condizione di guerra intrapresa dalla Federazione Russa contro l’Ucraina con le sue conseguenze – la tutela e la valorizzazione del risparmio assumono un significato particolare. Il conflitto è una condizione che l’Europa era convinta di avere superato. La fragilità della pace ci è, invece, testimoniata dai drammatici avvenimenti di questi mesi. La pace va pazientemente costruita e garantita ogni giorno in ogni società civile e appare evidente, in questo senso, il ruolo del risparmio e dei suoi impieghi come motore di stabilità, sviluppo e strumento di coesione sociale”. Così il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in un messaggio inviato al presidente dell’Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio, Francesco Profumo, per la Giornata Mondiale del Risparmio. (ITALPRESS). -foto Quirinale-

  • Brasile, Lula eletto presidente per la terza volta

    by Redazione on 31 Ottobre 2022 at 06:41

    ROMA (ITALPRESS) – Luiz Ignacio Lula da Silva, 77 anni, candidato del Partito dei lavoratori, è stato eletto nuovo presidente del Brasile. Al ballottaggio ha avuto la meglio sul filo di lana sul capo di Stato uscente Jair Bolsonaro, con il 50,9% dei voti contro il 49,10%. Per lui si tratta del terzo mandato, la prima volta nella storia de Paese, dopo essere stato alla guida dal 2003 al 2011. La maggioranza dei governi regionali sono però nelle mani di chi ha appoggiato il suo rivale Bolsonaro. Gli alleati del leader di ultradestra, infatti, sono governatori in 13 dei 27 Stati del Brasile. “Non è una vittoria mia o del mio partito, ma di un immenso movimento democratico. La maggioranza del popolo ha lasciato detto chiaro che desidera più democrazia e non meno. Vuole più libertà, più uguaglianza e più fraternità”, sono state le sue prime parole. “Dal primo gennaio governerò per tutti i brasiliani e non solo per quelli che mi hanno votato. E’ tempo di riunire la famiglia. A nessuno interessa vivere in un Paese perennemente in guerra. E’ tempo di deporre le armi. Sono qui per governare questo paese in una situazione molto difficile, ma con l’aiuto del popolo andiamo a trovare una via per vivere democraticamente”, ha aggiunto. Da parte sua, lo sconfitto presidente uscente del Brasile, Jair Bolsonaro, sta mantenendo il silenzio senza pronunciarsi sul risultato delle elezioni. Il Tribunale superiore elettorale del Brasile ha pubblicato i risultati definitivi del ballottaggio, che hanno sancito il successo di Lula con 60.345.999 voti, contro i 58.206.354 di Bolsonaro. (ITALPRESS). -foto agenziafotogramma.it-

  • Verstappen vince ancora, da record in Messico

    by Redazione on 30 Ottobre 2022 at 21:11

    CITTA’ DEL MESSICO (MESSICO) (ITALPRESS) – Max Verstappen non la smette di stupire. Fagocita letteralmente il GP del Messico dominandolo dall’inizio alla fine e conquistando la 14esima vittoria in una stagione, nessuno come lui. I problemi all’anteriore destro passano in secondo piano quando l’olandese prende in mano le redini della corsa e conduce senza problemi la macchina fino alla fine. Dietro il due volte campione del mondo si illude Hamilton, mentre Sergio Perez si sforza di soddisfare i suoi tifosi, scatenati per il messicano, mentre Russell sembra sempre poter dare fastidio a tutti e poi si accontenta del quarto posto a più di 20″ dal vincitore. Male le Ferrari con Carlos Sainz e Charles Leclerc distanti anni luce da Verstappen.Sul circuito messicano i tifosi (sold-out) non badano tanto al monologo di Verstappen, che sembra fare corsa da solo, ma al duello che viene fuori dopo la metà della corsa, tra Hamilton e Perez per il secondo posto. Identica emozione tra Ocon e Bottas che si azzuffano a lungo per un punticino. Così l’adrenalina sale solo quando Ricciardo provoca l’incidente di Yuki Tsunoda prendendosi dieci secondi di penalità. Per il resto i tifosi messicani si esaltano quando Perez va a cercare la seconda posizione di Hamilton e lo tampina lungamente e hanno un sussulto quando Alonso si arrende a sei giri dalla fine. Per il resto calma piatta. Capitolo a parte per le gomme, le medie hanno fatto un gran figurone mentre quelle scelte dalla Mercedes in avvio non sono sembrate ideali. In un tipo di Gran Premio come questo del Messico le gomme sono passate in secondo piano, però, rispetto alla prestazione monstre di Verstappen ed alle prove fatte dal resto delle scuderie. Ultima considerazione riguarda le Ferrari che hanno chiuso al quinto (Sainz) e sesto posto (Leclerc), lontanissime rispetto al vincitore. L’impressione è che la casa di Maranello si stia preparando già in vista del prossimo anno, con buona pace anche del secondo posto, ancora in ballo, nella classifica piloti e in quella costruttori. – foto LivePhotoSport – (ITALPRESS)

  • Il Milan trafitto dal Toro: 2-1 per i granata

    by Redazione on 30 Ottobre 2022 at 20:56

    TORINO (ITALPRESS) – Brusco stop per il Milan, che perde sul campo del Torino per 2-1, mettendo in scena una delle peggiori prestazioni della stagione. Decisive per i padroni di casa le reti firmate da Djidji e Miranchuk nel primo tempo, che rendono vano il gol di Messias, arrivato nella ripresa. In avvio di partita gli ospiti falliscono subito due occasioni con Leao, che al 4′ spara alto con il sinistro dopo essere entrato in area e poi, un minuto più tardi, sbuccia completamente la conclusione con il destro a tu per tu con il portiere sciupando l’assist di Diaz. Sul fronte opposto è Pellegri a farsi vedere al 19′ quando aggira Tomori a va al tiro sul primo palo da dentro l’area ma Tatarusanu è attento e devia in corner. I granata escono alla distanza e al 35′ trovano l’1-0. Lazaro batte una punizione dalla sinistra, Djidji svetta più in alto di tutti e mette dentro con l’aiuto del palo. Gli uomini di Pioli si spengono e due minuti più tardi subiscono il 2-0. Milinkovic-Savic rilancia dalla sua porta trovando la sponda aerea di Pellegri che libera Miranchuk, il quale sfugge a Kalulu e infila Tatarusanu con un bel mancino incrociato. E’ il punteggio con cui le due squadre vanno al riposo.Dopo un triplo cambio all’intervallo, i rossoneri provano a reagire all’8′ con il neo entrato Dest che ci prova con il mancino dalla lunga distanza ma la sfera termina alta. La gara si riapre improvvisamente al 22′. Tonali lancia lungo dalla difesa, Buongiorno e Milinkovic-Savic in uscita non si capiscono e lasciano la palla a Messias che dal limite mette dentro a porta vuota il 2-1. Tante le proteste da parte dei locali per un possibile fallo del brasiliano, che appoggia le mani sulla schiena di Buongiorno prima del tiro, culminate poi con l’espulsione di Juric. Un gol che è però un fuoco di paglia, con i campioni d’Italia in carica che non riusciranno più a impensierire la difesa avversaria. I piemontesi controllano senza troppi affanni e conservano il vantaggio fino al fischio finale. Per il Milan arriva una sconfitta pesante che lo fa scivolare al terzo posto a 6 lunghezze di ritardo dalla capolista Napoli. Il Torino trova invece 3 punti importanti grazie ai quali sale in nona posizione a quota 17.- foto Image -(ITALPRESS).

  • Related Posts

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *