makari-3-non-s’ha-da-fare,-dopo-montalbano-a-casa-pure-lamanna

Makari 3 non s’ha da fare, dopo Montalbano a casa pure Lamanna

 Trapani – “Non si sa ancora, dipende da quanti la guarderanno” aveva detto Ester Pantano ad Alberto Matano, che a febbraio – dopo il successo della seconda stagione di Makari – durante La Vita in Diretta aveva chiesto all’attrice catanese – che nella serie interpreta Suleima, la compagna di Saverio Lamanna – se ne avrebbero girata una terza. Ancora nulla nei corridoi della Rai lasciava presagire che, invece, non ci sarebbe stata. Eppure gli ascolti sono andati bene, ottenendo una media di 5 milioni di telespettatori con uno share del 24%: la casa di produzione Palomar non si sarà illusa di poter avvicinare l’audience del detective predecessore, il commissario Montalbano (da mercoledì 14 settembre su Rai1 i primi episodi restaurati), ma i numeri per battere di nuovo il Grande Fratello Mediaset c’erano.

Anche di materiale ce n’è: tra prima e seconda stagione finora sono state girate 7 puntate e con Sellerio Gaetano Savatteri ha pubblicato in tutto 3 romanzi e 8 racconti. Tra quelli ancora riadattabili per il piccolo schermo figurano “E’ solo un gioco”, “La segreta alchimia”, “La città perfetta” e “Tutti i libri del mondo”. Il cast pareva ben predisposto: “Savatteri sta scrivendo altri soggetti – disse a inizio anno il protagonista, Claudio Gioè, a Tv Sorrisi e Canzoni -. Certo sarebbe una gioia e anche comodo, perché il set è vicino a casa mia. Io e Piccionello siamo pronti».

Ma quest’estate, nel trapanese, non sono stati girati nuovi episodi: questo vuol dire che, almeno fino all’autunno 2023, non si vedranno puntate inedite. Per finire nel palinsesto invernale le riprese dovrebbero praticamente cominciare ora, del resto anche le ultime si conclusero a dicembre, ma da viale Mazzini per ora tutto tace. Da Stromboli, intanto, arriva lo stop a un’altra fiction della rete ammiraglia: quella sulla Protezione civile con protagonista Ambra Angiolini. Non tanto per l’atteggiamento dell’attrice, prodigatasi per la popolazione, quanto per quello assunto dalla produzione dal giorno dopo l’incendio che a maggio scorso devastò l’isola, continuando a dire di essere estranea alla vicenda.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *