liquidita-aziendale:-i-team-finance-si-trasformano

Liquidità aziendale: i team finance si trasformano

L’incertezza economica e la tecnologia stanno cambiando i processi di gestione di liquidità aziendale portando a nuovi approcci integrati.

Liquidità aziendale

Negli ultimi tre anni i problemi affrontati dalla finanza aziendale stanno accelerando sempre di più: è importante sottolineare che sebbene il Covid non ha provocato una crisi di liquidità aziendale, e dato il persistere dei problemi della catena di approvvigionamento, è essenziale trovare soluzioni per sostenere le imprese.

Le regole del gioco sono cambiate

In primo luogo, il Covid-19 è stato chiaramente un catalizzatore per la trasformazione digitale. La guerra ucraina, l’inflazione, i salari e l’aumento dei tassi d’interesse hanno messo sotto pressione la liquidità disponibile, quindi i CFO sono costretti a trovare nuove fonti di finanziamento per sostenere una crescita costante. A parte questi problemi, la diffusione del cloud è ancora relativamente bassa (<5%) nella tesoreria aziendale, dove i grandi fattori limitanti sono la preoccupazione sulla sicurezza dei servizi basati sul cloud e la complessità dell’architettura IT all’interno della funzione Finance. Il risultato è che i CFO devono affrontare numerosi ostacoli, tra cui visibilità incompleta della liquidità a livello aziendale, processo decisionale subottimale, bassa azionabilità, scarse capacità di automazione e nessuna pianificazione strategica.

In secondo luogo, le aziende si stanno adattando a un ambiente commerciale in rapido cambiamento, anche se c’è ancora molta strada da fare. Le imprese continuano ad avere un’enorme quantità di capitale d’esercizio inutilizzato nei loro bilanci, una stima di 1,5 trilioni di dollari nelle aziende globali quotate. Inoltre, la realtà incerta con la presenza del Covid-19 ha mostrato l’importanza delle previsioni a rotazione multi-scenario, poiché le aziende hanno lottato per far fronte alla situazione in rapido cambiamento. In questo contesto, l’uso della pianificazione multi-scenario persisterà oltre il 2022.

Infine, c’è una chiara tendenza a sfruttare l’intelligenza artificiale per adattarsi all’elevato numero di dati in tempo reale. Infatti, la quantità di dati che le aziende devono gestire continua ad aumentare esponenzialmente, raggiungendo 350 terabyte per l’impresa media, e la tecnologia in tempo reale è diventata sempre più pervasiva, anche nei sistemi di pagamento.

La gestione della liquidità come area strategica di pratica

I numeri di un recente sondaggio IDC supportano questa visione. Solo un’azienda su otto intervistata ha un’ampia visibilità della sua attuale posizione di liquidità aziendale, mentre il 36% non è in grado di sfruttare una visione in tempo reale per prendere decisioni sulla liquidità.

Tuttavia, stiamo assistendo a un ridotto numero di aziende, molto digitalizzate e mature in termini di organizzazione e personale, ora in grado di combinare l’uso di dati e tecnologia per gestire le loro pratiche di tesoreria, pagamenti e sicurezza a livello aziendale e in tempo reale. Queste organizzazioni stanno inventando nuove pratiche di gestione del contante che danno loro una visibilità istantanea e una circolazione del contante a livello aziendale, oltre a una maggiore sicurezza. Questa tendenza positiva comprende una vasta gamma di servizi, tra cui la tesoreria, i pagamenti B2B, i pagamenti aziendali, la catena di approvvigionamento e il finanziamento dei crediti.

La soluzione a cui stanno lavorando consiste in una combinazione di connettività, dati e azionabilità. L’integrazione di più reti restituisce ai CFO una visione olistica della loro situazione. L’unificazione dei dati permette un supporto decisionale guidato dai dati e un’esecuzione senza soluzione di continuità in tutta l’impresa e oltre i confini.

Mentre il processo decisionale all’interno dell’organizzazione è il principale motore di questa evoluzione, gli sviluppi tecnologici e l’adozione di interfacce di programmazione delle applicazioni (API) stanno giocando un ruolo fondamentale per renderla concreta. In effetti, questa evoluzione è interamente basata su un flusso di dati fluido e rapido tra le varie parti interessate e le loro applicazioni corrispondenti. In particolare, la gestione unificata della liquidità aziendale richiede che i dati delle applicazioni di back-office siano resi disponibili per l’elaborazione e l’analisi. Argomenti come la gestione della liquidità, la previsione della liquidità e l’efficienza della gestione della tesoreria derivano tutti da pratiche e strumenti robusti di gestione dei dati. L’importanza della gestione dei dati ha messo sotto i riflettori le API e la promessa che detengono quando vengono implementate correttamente.

Cosa significa per i dirigenti finanziari?

Il cambiamento sta avvenendo ora. Un recente sondaggio IDC ha mostrato che il 15% dei team Finance ha già implementato API, AI e piattaforme dati e ha evidenziato la crescente importanza della liquidità per i leader finanziari. Quando si parla con CFO e Tesorieri di queste priorità emergenti, l’Enterprise Liquidity Management si rivela una pratica permanente.

Per instaurare pratiche di liquidità, i direttori finanziari chiedono sistemi che forniscano a valle un’intelligenza azionabile. Questi strumenti devono fornire un’ampia rete di connettività (banche, ERP, piattaforme di trading, fintech, ecc.), così come una gestione end-to-end del ciclo di vita della liquidità aziendale, compresa la catena di approvvigionamento e il finanziamento dei crediti insieme a fabbriche di pagamento integrate e dashboard del capitale circolante attivabili. Questo nuovo approccio integrato alla gestione della liquidità potrebbe anche richiedere l’emergere della figura di un chief liquidity officer al suo timone. Perciò si prevede uno spostamento del software di gestione aziendale verso piattaforme IT multiprodotto, le Enterprise Liquidity Platforms.

di Andrea Delvò, Managing Director di Kyriba Italia

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.