l’industria-italiana-del-gioco-d’azzardo-rimane-stabile

L’industria italiana del gioco d’azzardo rimane stabile

1 minuto (tempo di lettura)

Per il mondo del gioco d’azzardo non è mai stato semplice scalare le poco semplici condizioni di marketing imposte dal paese. Ma tali manovre pubblicitarie hanno l’obiettivo di rendere fruibili dai clienti quella categoria di siti di gioco che rispettano altresì solo alti criteri di sicurezza ed affidabilità. I numeri registrati, sebbene, parlano da sé: il mercato dei giochi interattivi in ​​Italia ha registrato un totale di 292,2 milioni di euro, leggermente in contrazione rispetto ai 302,4 milioni di euro di marzo, anche se sempre meglio dei 288,1 milioni di euro registrati lo scorso aprile. Questo dimostra come l’interesse nonostante tutto sia per lo più costante. Ciò è anche merito della diffusione del gioco online e della relativa semplicità con cui sia possibile divertirsi su internet oggi.

Il lavoro svolto da siti come Casino Italiani ha permesso di apportare tutta una serie di benefici molto graditi da parte dei giocatori: recensioni scritte da esperti sui migliori siti operativi in Italia, gamma dei giochi offerti, modalità di pagamento ed ovviamente, una considerazione sui bonus più vantaggiosi offerti. Allo stato attuale, questa realtà permette agli appassionati di gioco di avere accesso ad informazioni importanti in maniera chiara, semplice ed immediata, in modo da poter aprire un proprio conto in maniera nettamente più consapevole rispetto al procedere in totale autonomia.

Divieti e grandi sfide

Come accennato, l’Italia ha sempre riposto grande enfasi verso la sicurezza dei consumatori. Questo si esprime con la proibizione di partnership tra entità operative nel gioco d’azzardo e ad esempio, squadre sportive. Questa manovra appartiene al divieto di pubblicità pubblica dell’1 gennaio 2019, per volere dell’allora governo populista prima che Di Maio lasciasse il Movimento Cinque Stelle. Ciò ha posto sfide non indifferenti: la prima tra tutte, il raggiungimento di potenziali clienti mediante i canali a disposizione. Lo scopo di tale azione ha indubbiamente permesso un focus diverso su quello che è il mercato nero oggi, visto che allo stato attuale esso rappresenta il 23% dei soldi scommessi in Italia, una percentuale non trascurabile.

Il lavoro svolto da ADM

In Italia l’ente incaricato alla regolamentazione e monitoraggio delle attività di gioco è ADM, l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli. Per quanto riguarda l’appena citato mercato nero, proprio di recente è stato firmato un nuovo regolamento operativo per contrasto al gioco illegale. Per tanto, il lavoro svolto da questo ente risulta essere di fondamentale importanza. Lo scopo è garantire uno scenario di completa sicurezza per il fruitore dei servizi ultimi in ambito di gioco.

Essere un provider autorizzato ADM significa superare alti criteri in termini di affidabilità e non solo; sul piano economico significa sostenere spese non indifferenti per essere approvati ad operare nel paese. Solo superati tutti i requisiti ogni casinò online avrà modo di ottenere la propria licenza nazionale. Ecco perché tener conto della presenza di tale licenza quando si vuole iniziare un percorso di gioco presso un casinò online è un’azione indispensabile, utile per ogni giocatore che intenda vivere serenamente la propria esperienza di gioco.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Articoli di proprietà di Voci di Città, rilasciati sotto licenza Creative Commons.
Sei libero di ridistribuirli e riprodurli, citando la fonte.

L’articolo L’industria italiana del gioco d’azzardo rimane stabile proviene da Voci di Città.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.