la-preside-patanella:-se-un-maschio-si-veste-da-femmina-entra-con-le-alunne

La preside Patanella: se un maschio si veste da femmina entra con le alunne

Attualità Palermo

La dirigente del Piazzi mette il punto alla polemica sull’entrata a scuola differenziata per genere

https://immagini.ragusanews.com//immagini_articoli/09-09-2022/la-preside-patanella-se-un-maschio-si-veste-da-femmina-entra-con-le-alunne-500.jpg La preside Patanella: se un maschio si veste da femmina entra con le alunne

 Palermo – Prima le femmine, poi i maschi. L’annuncio della scuola media Piazzi di Palermo, in vista del rientro in classe, è comparso sul sito internet dell’istituto: “A partire dal giorno 15 settembre le alunne entreranno al suono della prima campana (ore 8:00) e gli alunni al suono della seconda campana (ore 8:03)”. Tre minuti che hanno acceso la protesta sulla chat dei genitori. “È una scelta sessista inaccettabile nel 2022”; “Se il problema è il contenimento del contagio da Covid si poteva prevedere un ingresso per classi, anziché per genere; “E se dovesse esserci un ragazzo transgender? Abbiamo fatto tanti passi in avanti verso l’inclusione e il superamento delle barriere di genere, e adesso con una circolare si torna indietro”.

La preside Aurelia Patanella (foto) si dice “allibita” con Repubblica: “Negli scorsi due anni le norme anti Covid hanno imposto ingressi scaglionati per classi, quest’anno la normativa non lo prevede ma resta la necessità di evitare assembramenti. Se avessi previsto l’ingresso scaglionato per piani o per classi, non avrei comunque scongiurato gli assembramenti; avrei potuto scegliere il criterio alfabetico, ma sarebbe stato molto più complicato per gli studenti. Il criterio per genere è una tradizione della nostra scuola. Da 20 anni alunni e alunne si alternano. Non escludo che al secondo quadrimestre entrino prima i maschi e poi le femmine”, concede la dirigente scolastica. È chiaro che se viene un bambino vestito da bambina, può entrare anche con le alunne – conclude -. Noi non mandiamo via nessuno e mai lo faremo, non accetto polemiche strumentali: è solo il modo più immediato per garantire l’ingresso ordinato e in sicurezza”.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *