il-palermo-dura-solo-un-tempo,-a-torino-i-granata-dilagano-3-0-e-passano-il-turno

Il Palermo dura solo un tempo, a Torino i granata dilagano 3-0 e passano il turno

Finisce ai trentaduesimi di finale il cammino del Palermo in Coppa Italia. I rosanero di Di Benedetto, ancora incompleti e con la testa al nuovo allenatore (Corini sembra vicinissimo alla firma ed in vantaggio su D’Angelo), fanno quel che possono e reggono un tempo in casa del Torino che si impone 3-0 e andrà a sfidare ai sedicesimi di finale il Cittadella che ieri ha superato il Lecce 3-2.

Palermo pericoloso nelle fasi iniziali con addirittura un rammarico per Brunori bravo ad impegnare il portiere granata. Poi la differenza di categoria tra le due formazioni si fa notare. Ed anche se i Granata hanno avuto un inizio di preparazione difficoltoso, hanno dettato legge quando hanno aumentato il ritmo confermando la differenza di categoria. Nella ripresa monologo granata ed epilogo secondo pronostico. Il Palermo è un cantiere aperto ed a 7 giorni dall’avvio del campionato di serie B col Perugia c’è tanto da fare.

Nel primo tempo, Palermo pericoloso all’inizio, Torino in crescita

Succede poco nel primo tempo, al 7′ tentativo velleitario di Floriano che prova a sorprendere Milinkovic Savic con un pallonetto da centrocampo ma la conclusione è facile preda del portiere del Toro che interviene in modo irrisorio stoppando il pallone di petto senza usare neppure le mani.

Al 10′ l’occasione più importante della prima metà di gara: Brunori tira a giro di destro, la sfera è diretta in porta ma l’estremo difensore granata devia in angolo.

Il Torino cresce molto dopo il cooling break, ovvero la pausa a metà del tempo per permettere un rinfresco alle due formazioni.

Radonjic al 37′ impone la sua velocità e tecnica superando De Rose e Nedelcearu per poi accentrarsi e tirare dal limite senza trovare lo specchio della porta.

Al 43′ Sanabria non riesce a deviare un cross dalla sinistra a due passi dalla porta.

Il primo tempo si chiude con una nuova azione di Radonjic che elude l’intervento di Buttaro e tira rasoterra da posizione defilata senza però trovare lo specchio della porta. Nei due minuti di recupero non succede nulla.

Secondo tempo, Floriano ci prova, Lukic la sblocca per il Toro

Al 49′ Floriano impegna Milinkovic-Savic in modo simile a quanto fatto da Brunori ad inizio primo tempo con lo stesso risultato, palla deviata in corner. Il Torino comincia a macinare gioco e segna dopo aver accelerato il ritmo. Radonjic semina il panico con una conclusione respinta da Marconi, la sfera giunge a capitan Lukic che con una gran botta da fuori aera rasoterra fulmina Pigliacelli al 54′.

Granata padroni del campo

Il Torino accelera ancora e trova la rete con Radonjic al 58′ pescato libero nel cuore dell’area da Lukic bravo a difendere palla e ad andarsene di prepotenza su Broh. Sembra tutto regolare ma l’arbitro Ghersini, su segnalazione del Var Marini, annulla per fuorigioco di Sanabria che era sulla traiettoria della conclusione di Radonjic disturbando, secondo il direttore di gara, il possibile intervento di Pigliacelli.

Scampato il pericolo, Di Benendetto sostituisce Floriano con Stoppa al 65′. Poco dopo, Brunori impegna ancora Milinkovic-Savic con una conclusione forte ma centrale. Per l’attaccante rosanero, a segno tre volte domenica scorsa nel turno preliminare con la Reggiana, una prova di sostanza ed anche generosa ma senza il guizzo.

Raddoppio di Radonjic, Pellegri cala il tris

Il Torino torna a rendersi pericoloso e quando accelera fa male definitivamente. Al 73′ Radonjic sfrutta un cross di Lukic concludendo di testa un’azione fotocopia a quella del gol annullato. Pigliacelli è rivedibile nel suo intervento e la palla si infila per il 2-0.

A quel punto i tecnici Juric e Di Benedetto operano alcuni cambi: al 74′ per il Palermo entrano Crivello e Damiani per Sala ed Elia. Nel Toro, invece, Linetty e Pellegri rivelano Seck e Sanabria. Proprio Pellegri, al 79′ trova il 3-0 appoggiando comodamente da due passi un invitante pallone dalla sinistra.

Nuovi cambi nel finale di partita. All’81’ nel Palermo Silipo rileva Soleri e Somma Nedelcearu. I padroni di casa fanno entrare Segre e Lazaro per Lukic e Singo. Nulla da segnalare fino al 94′. Finisce 3-0 per il Torino.

Torino-Palermo, il tabellino

Torino: Milinkovic-Savic, Djidi, Buongiorno, Rodriguez; Singo (81′ Lazaro), Ricci, Lukic (cap.) (81′ Segre), Aina, Seck (77′ Linetty), Radonjic, Sanabria (77′ Pellegri). Allenatore: Juric. A disposizione: Berisha, Gemello, Bayeye, Pellegri, Adopo.

Palermo: Pigliacelli; Buttaro, Nedelcearu (81′ Somma), Marconi, Sala (74′ Crivello); De Rose (cap.), Broh; Elia (74′ Damiani), Soleri (81′ Silipo), Floriano (65′ Stoppa); Brunori.  Allenatore: Di Benedetto. A disposizione: Massolo, Pierozzi, Fella, Damiani, Doda, Corona, Peretti.

Arbitro: Ghersini di Genova. Assistenti: Alassio (Imperia) e Mokthar (Lecco). Quarto uomo: Calzavara (Varese). Var: Marini (Roma 1). Avar: Vivenzi (Brescia)

Reti: 54′ Lukic, 73′ Radonjic, 79′ Pellegri

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.