gruppi-filo-russi-usano-le-criptovalute-per-finanziare-la-guerra-in-ucraina

Gruppi filo-russi usano le criptovalute per finanziare la guerra in Ucraina

Un nuovo studio di Chainalysis ha identificato 54 gruppi filo-russi che si sono rivolti ai social media per raccogliere fondi in criptovalute.

Gruppi filo-russi

Mentre la guerra della Russia in Ucraina entra nel suo sesto mese, gran parte dei combattimenti attivi si sono concentrati nella regione del Donbas, nell’Ucraina orientale, dove le forze russe sono accompagnate da vari gruppi di milizie e incoraggiate dalla propaganda di guerra. Un certo numero di gruppi di volontari filo-russi e i loro sostenitori si sono rivolti ai social media per raccogliere fondi per gli acquisti militari e la diffusione della disinformazione sollecitando donazioni di criptovaluta.

Dall’inizio della guerra, Chainalysis ha identificato 54 organizzazioni di questo tipo che hanno ricevuto collettivamente oltre $ 2,2 milioni di criptovalute, principalmente da donazioni di Bitcoin ed Ether. Sono state inviate anche notevoli quantità di Tether, Litecoin e Dogecoin.

Gruppi filo-russi

Come si vedrà, i post sui social media dei gruppi filo-russi indicano che gran parte di questi fondi viene utilizzata per equipaggiare gruppi paramilitari. Circa la metà dei conti di raccolta delle donazioni ha sollecitato pubblicamente il sostegno alle milizie situate nella regione ucraina del Donbas, in particolare Donetsk e Luhansk, due territori soggetti a sanzioni globali dell’OFAC a partire dal 22 febbraio.

Gruppi filo-russi

Come vengono spese le donazioni in criptovalute

Secondo quanto riferito, le donazioni crittografiche inviate a queste organizzazioni sono state utilizzate per supportare qualsiasi cosa, dal finanziamento di siti di propaganda filo-russi all’acquisto di articoli militari, come droni, armi, giubbotti antiproiettile, dispositivi di comunicazione e varie altre forniture.

Gli account che supportano le milizie pubblicano spesso immagini dell’equipaggiamento acquistato e descrizioni di come verranno utilizzate le donazioni future.

Ecco uno di questi post (tradotto dal russo):

Gruppi filo-russi

“… ci restano solo 150mila rubli da raccogliere per un drone che potrà portare “regali” alle posizioni dei nostri “amici” ucraini. Speriamo di poterlo girare in video e deliziarvi con scatti interessanti”.

A volte i post dei gruppi filo-russi contengono i dettagli degli acquisti, come questo:

img 4

Ciao cari amici! Ancora una volta abbiamo portato una partita di carico ai nostri combattenti. La nostra macchina è arrivata il 16 luglio, ma il verbale è in corso di redazione solo ora, poiché non abbiamo avuto tempo e comunicazioni. Questa volta abbiamo portato:

  • 2 pezzi mirino del collimatore – 27.000 r;
  • 7 pezzi borse mediche – 6.500 rubli;
  • medicinali per kit di pronto soccorso – 9.500 rubli;
  • 1 PC. parabola satellitare – 20.000 r;
  • pagamento per un santuario satellite – 2.500 rubli;
  • 3 pezzi carte SIM satellitari – 63.000 rubli;
  • 10 pezzi. contenitori per la pulizia delle armi (5,45 mm e 7,62 mm) – 3.000 r;
  • grasso per armi – 3.000 r;
  • 3 pezzi materassini gonfiabili mobili – 5.000 r;
  • 7 pezzi lanterne – 16.000 rubli;
  • 15 pezzi radio portatili – 38.000 r;
  • 2 pezzi autoradio – 17.500 rubli;
  • Componenti UAV – 200.000 rubli;
  • 3 pezzi auto radiocomandate – 17.000 rubli”.

Con un rublo del valore di meno di $ 0,02, i componenti necessari per costruire un UAV – un grande aggiornamento per le capacità di ricognizione di un’unità – costano a questo gruppo solo $ 3.400. Allo stesso modo, 15 radio costano solo $ 630. Quindi, mentre molte delle organizzazioni che sono state esaminate nell’ultima sezione hanno raggiunto solo le quattro cifre basse dalla raccolta di fondi di criptovaluta, quei fondi potrebbero comunque dare un contributo significativo all’efficacia di quelle milizie.

La donazione si collega a persone ed entità sanzionate

Gli investigatori hanno identificato una serie di entità sanzionate che hanno promosso la raccolta di donazioni di criptovalute a sostegno della guerra russa in Ucraina.

Alexander Zhuchkovsky, un cittadino russo designato dall’OFAC, ha utilizzato i social media per sollecitare donazioni per il Movimento Imperiale Russo, un gruppo terroristico globale appositamente designato. Di recente, Zhuchkovsky ha anche pubblicato il supporto per Project Terricon, che sta sollecitando donazioni di criptovalute per supportare i filo-russi della milizia del Donbas. Terricon afferma esplicitamente sul proprio sito Web che stanno utilizzando la criptovaluta a causa dell’imposizione di sanzioni e hanno persino offerto diversi NFT per la raccolta di fondi. Tuttavia, non sono state fatte offerte prima che fossero rimosse dal mercato NFT in cui erano elencate.

img 5

L’esposizione a catena di Terricon riflette la sua natura illecita. L’organizzazione ha ricevuto circa l’11% dei suoi fondi indirettamente dai mixer e ha inviato oltre il 29% dei suoi fondi a Bitzlato, uno scambio con sede nella città di Mosca che ha facilitato circa 1 miliardo di dollari di riciclaggio di denaro crittografico dal 2019.

img 6

Gli investigatori di Chainalysis hanno identificato anche altre potenziali affiliazioni di sanzioni agli account di donazione.

I post di Rybar – un blog militare filo-russo che pubblica informazioni sull’offensiva russa – sono stati ricondivisi da un’ampia gamma di account di social media filo-russi, inclusa l’Unione dei volontari del Donbas, che è stata sanzionata dall’OFAC il 28 giugno 2022.

img 7

Diversi operatori di account di social media hanno indicato che le donazioni inviate loro andranno a beneficio diretto della Milizia popolare di Donetsk e della Milizia popolare di Luhansk, che sembrano essere affiliate alla Milizia popolare del Donbas, un’organizzazione sanzionata dall’OFAC il 19 dicembre 2014.

Rusich, un gruppo paramilitare che è stato associato a PMC Wagner, tra le altre entità sanzionate, ha finora raccolto migliaia di dollari in donazioni di criptovaluta. I suoi indirizzi di donazione sono stati diffusi su più account di social media.

img 8

SouthFront, un sito di disinformazione russo che è stato sanzionato dall’OFAC il 15 aprile 2021, ha continuato a promuovere la propaganda di guerra e a sollecitare donazioni di criptovalute.

Molti degli indirizzi di donazione identificati da Chainalysis sono stati anche promossi in modo incrociato su più canali, inclusi alcuni gestiti da attori sanzionati, suggerendo un potenziale grado di coordinamento tra questi filo-russi.

Monitoraggio della situazione

Sebbene significativo, il valore di $ 2,2 milioni di criptovalute donato ai gruppi filo-russi impallidisce ancora rispetto alle decine di milioni di criptovalute donate all’Ucraina. Inoltre, poiché le blockchain pubbliche sono trasparenti, è possibile seguire ogni trasferimento nelle catene di pagamento di questi conti, raccogliendo informazioni sulle attività filo-russe che sarebbero più difficili da estrarre dalle indagini sul denaro fiat.

Chainalysis si impegna a lavorare con i propri partner nei settori pubblico e privato per tenere traccia di questi account e aggiungerne di nuovi man mano che vengono identificati. Continuerà, inoltre, a prestare molta attenzione a ulteriori indicatori di elusione delle sanzioni russe e riciclaggio di denaro basato su criptovalute.

A cura di Chainalysis

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.