femminicidio-a-vittoria,-caccia-all’assassino-che-l’ha-accoltellata-in-strada-(video)

Femminicidio a Vittoria, caccia all’assassino che l’ha accoltellata in strada (VIDEO)

Una donna albanese di 37 anni, è stata accoltellata a Vittoria, nella zona tra via Adua e via Tenente Alessandrello.

Un femminicidio commesso in strada

La donna è stata colpita in strada, ma è stata trovata dal personale del 118 solo in seguito nella sua abitazione: è morta durante il trasporto in ospedale a causa delle gravi ferite riportate.

Presto sviluppi

Potrebbero esserci presto esserci degli sviluppi nelle indagini sul delitto.

La vittima è stata identificata in Brunilda Halla, una albanese di 37 anni. Il delitto sarebbe avvenuto poco dopo le 13 di ieri, in via Tenente Alessandrello, all’angolo con via Firenze, a Vittoria nel Ragusano. La donna, conosciuta anche come Bruna, è stata accoltellata a morte nei pressi della sua abitazione da un uomo che è poi fuggito a piedi. La vicinanza con l’abitazione spiegherebbe alcuni dei passaggi dell’omicidio rimasti per ore difficili da comprende

Al vaglio le immagini delle telecamere

Le immagini delle telecamere di video sorveglianza avrebbero consentito di individuare l’assassino e il cerchio delle indagini potrebbe stringersi già nelle prossime ore, con ulteriori sviluppi.

Ancora da chiarire, però, le esatte modalità del delitto. Le indagini sono condotte dai carabinieri che stanno sentendo alcune persone, tra passanti, conoscenti e parenti per provare a ricostruire gli ultimi istanti di vita della vittima.

Nessuno ha visto?

La vittima è stata raggiunta da alcune coltellate dopo essere uscita dalla sua abitazione in via Firenze, una strada trafficata dalla quale transitano numerose auto. E’ incomprensibile che quasi nessuno abbia visto l’aggressore anche se ripreso dalle telecamere di sicurezza di alcuni esercizi della zona

Lascia marito e e due figli

Brunilda Halla viveva con il marito ed i due figli: al momento del delitto il consorte era al lavoro. da comprendere il rapporto fra la donna e il suo aggressore. I carabinieri non lasciano filtrare nulla sulla sua identità

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.