fedez:-“ho-chiamato-il-ministro-degli-esteri”,-ecco-perche-*-biccy.it

Fedez: “Ho chiamato il Ministro degli Esteri”, ecco perché * Biccy.it

07 Nov 2022 Fabiano Minacci • Tempo di lettura: 2 minuti

fedez

Fedez ha raccontato degli aneddoti privati durante l’ultima puntata del suo podcast Muschio Selvaggio. Uno è stato particolarmente curioso e riguarda la sua telefonata fatta col Ministro degli Esteri dello scorso Governo, ovvero Luigi Di Maio. Una telefonata fatta per mettere il Ministro con il fratello di Elon Musk e no, non c’entra niente il metaverso: è successo davvero.

Tutto è accaduto nel 2020, nel periodo più buio della pandemia.

“Sono arrivato a tanto così da avere un rapporto con Elon Musk” – ha dichiarato Fedez, come ripreso da GossipTv – “Durante la pandemia, sono stato contattato dalla moglie del fratello. Perché anche il fratello è ricchissimo, ma ha catene di fast food o ristoranti, sta più nel mondo della ristorazione. E loro volevano donare, cioè Elon Musk voleva donare dei respiratori durante la pandemia, delle macchine, dei macchinari, e aveva mandato in esplorazione il fratello con sua moglie per vedere quale paese era più meritevole o aveva più bisogno. E invece che contattare il Ministro degli Esteri italiano hanno contattato noi [lui e Chiara, ndr].”

E ancora:

“Mi hanno mandato dei questionari da far compilare agli ospedali. Io ci ho provato, ma ad un certo punto ho chiamato il Ministro degli Esteri e gli ho detto, zio, fai il tuo lavoro. Ovviamente i respiratori non ce li hanno mai dati, non sono mai arrivati.”

Io impazzito per Fedez che chiama Di Maio “ehi zio”. È tutto così troppo realistico.

Fedez, con la sua Fondazione ha donato 130 mila euro a Rozzano

Lo scorso settembre Fedezsempre più vicino al mondo politico – ha portato un assegno simbolico da 130 mila euro (raccolti grazie alla sua fondazione) al comune di Rozzano, dove è cresciuto.

“Oggi ho consegnato presso il comune di Rozzano l’assegno da 130mila euro che la mia fondazione ha donato per la ristrutturazione e il rifacimento del parco comunale della città. Sono molto felice di contribuire alla riqualificazione della periferia dal quale provengo e di restituire un po’ dei privilegi acquisiti alla comunità di cui ancora mi sento di far parte”.

Gesti che gli fanno solo onore, bravissimo!

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *