europa-league,-vittoria-per-lazio-e-roma:-qualificazione-alla-portata

Europa League, vittoria per Lazio e Roma: qualificazione alla portata

2 minuti (tempo di lettura)

Tre punti per credere nella qualificazione. È questo l’obiettivo non più rimandabile di Lazio e Roma, impegnate nella quinta giornata di Europa League rispettivamente contro Midtjylland ed Helsinki. Biancocelesti reduci dal pareggio in casa dello Sturm Graz, mentre i giallorossi vengono dall’1-1 in casa del Betis Siviglia.

Lazio-Midtjylland 2-1

Nonostante l’assenza di Ciro Immobile per infortunio, la Lazio di Maurizio Sarri ritrova la vittoria in Europa League, imponendosi per 2-1 sui danesi del Midtjylland. Match che inizia in salita per i padroni di casa, che vanno sotto dopo soli 8 minuti, a causa della rete di Isaksen, il cui tiro dal limite dell’area sorprende Provedel. La risposta biancoceleste, però, è veemente e dopo qualche minuto Milinkovic-Savic avrebbe già sulla testa la palla del possibile pareggio.

Il serbo, tuttavia, si rifà al 36′, quando ricevendo palla da un ottimo Felipe Anderson, apre il piatto e batte Jonas Lossl alla sua sinistra. Pareggio fondamentale a questo punto della partita per la Lazio, a cui serve necessariamente una vittoria per dare una spallata importante a un girone equilibratissimo.

Nella ripresa, esattamente al 55′, la mossa di Sarri si chiama Pedro, che subentra al posto di Cancellieri. Passano, infatti, solamente tre minuti e l’attaccante spagnolo sigla la rete del soprasso: cross basso di Zaccagni dalla sinistra, velo di Vecino e mancino di Pedrito che manda avanti i capitolini. Il 9 della Lazio trova la rete anche all’80’, annullata dal VAR per fuorigioco.

Nel gruppo F di Europa League, vince anche lo Sturm Graz contro il Feyenoord. Nel prossimo turno, i biancocelesti se la vedranno proprio con gli olandesi, che hanno disperato bisogno di una vittoria per credere ancora nella qualificazione.

Helsinki-Roma 1-2

Servivano i tre punti anche alla Roma di Josè Mourinho, che batte 2-1 l’Helsinki in un match tutt’altro che semplice. I giallorossi, però, partono subito fortissimo e al 20′ colpiscono traversa e palo nella stessa azione con Cristante e Mancini. Al 26′ è Abraham ad andare vicino alla rete del vantaggio ma il suo destro viene respinto dal portiere di casa, Hazard.

Il numero 9 giallorosso, però, avrà modo di rifarsi. E l’occasione capita esattamente al minuto 41: punizione di Pellegrini, incornata del centravanti inglese e Roma in vantaggio. Si va al riposo sul punteggio di 1-0 per i giallorossi, che subiscono la reazione dei finlandesi all’inizio della ripresa.

Nella seconda frazione, infatti, l’Helsinki attacca e trova la rete del momentaneo 1-1 al 54′: Hetemaj riceve palla, calcia in corsa e trova l’angolino basso. Nulla da fare per un incolpevole Rui Patricio. La Roma, però, non ci sta e al 63′ rimette la testa avanti: El Shaarawy rientra sul destro, calcia verso la porta e trova la sfortunata deviazione di Hoskonen, il quale batte il suo portiere. La Roma mantiene il risultato fino al 90′, nonostante le sofferenze e un gol annullato al 79′ ai padroni di casa.

Con la contemporanea sconfitta del Ludogorets, i giallorossi raggiungono i bulgari al secondo posto a quota 7 punti. Il secondo posto nel girone si deciderà tra una settimana, quando all’Olimpico le due squadre si ritroveranno una di fronte all’altra.

Mauro Di Stefano

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli di proprietà di Voci di Città, rilasciati sotto licenza Creative Commons.

Sei libero di ridistribuirli e riprodurli, citando la fonte.

Valuta l’articolo!

Totale: 0 Media: 0

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *