covid19,-calano-incidenza-settimanale-di-contagi-e-ricoveri-in-terapia-intensiva

Covid19, calano incidenza settimanale di contagi e ricoveri in terapia intensiva

I dati della cabina di regia dell’istituto superiore di sanità

Il covid19 in tutto il territorio italiano comincia a fare meno paura. In calo sia l’incidenza settimanale, che l’Rt e l’occupazione delle terapie intensive. Lo conferma il monitoraggio cabina di regia sul covid19 dell’Istituto superiore di sanità. Scende infatti l’incidenza settimanale a livello nazionale: 533 ogni 100.000 abitanti nel periodo monitorato tra il 29 luglio e il 4 agosto scorsi contro i 727 ogni 100.000 abitanti (dal 22 al 28 luglio). Nel periodo tra il 13 e il 26 luglio l’Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,90 (range 0,82-1,06), in diminuzione rispetto alla settimana precedente.

L’indice di trasmissibilità

L’indice di trasmissibilità basato sui casi con ricovero ospedaliero è anch’esso in diminuzione e sotto la soglia epidemica: Rt=0.82 (0,80-0,84) al 26 luglio contro Rt=0,95 (0,94-0,97) al 19 luglio. Il tasso di occupazione in terapia intensiva è in calo al 3,6% (rilevazione giornaliera ministero della Salute al 4 agosto) contro il 4,1% (rilevazione giornaliera ministero della Salute al 28 luglio) . Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale scende al 15,2% (rilevazione giornaliera ministero della Salute al 4 agosto) contro il 17% (rilevazione giornaliera ministero della Salute al 28 luglio.

Le Regioni

Due Regioni sono classificate a rischio moderato come stabilito dal decreto ministeriale del 30 aprile 2020, una Regione è equiparata a rischio alto per non aver raggiunto la soglia minima di qualità dei dati trasmessi all’Iss, mentre le restanti 18 Regioni sono classificate a rischio basso. Otto Regioni riportano almeno una allerta di resilienza. Una Regione riporta molteplici allerte di resilienza. La percentuale dei casi rilevati attraverso l’attività di tracciamento dei contatti è stabile rispetto alla settimana precedente (12% contro 12%).

Aumento casi con sintomi

In lieve aumento la percentuale dei casi rilevati attraverso la comparsa dei sintomi (44% contro il precedente 43%), e in lieve diminuzione la percentuale dei casi diagnosticati attraverso attività di screening (44 contro 46%). L’attuale situazione caratterizzata da elevata incidenza non consente una puntuale mappatura dei contatti dei casi, come evidenziato dalla bassa percentuale dei casi rilevati attraverso l’attività di tracciamento.

Articoli correlati

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.