cosa-succede-a-chi-mangia-cioccolato-fondente-con-colesterolo-e-glicemia?-ecco-la-verita

Cosa succede a chi mangia cioccolato fondente con colesterolo e glicemia? Ecco la verità

Di tutti i tipi di cioccolato, il cioccolato fondente non è solo buonissimo, ma una vera droga: per essere fondente, però, questa prelibatezza deve contenere almeno il 45% di cacao in polvere e il 28% di burro di cacao, mentre nel fondente extra, queste percentuali sono ben al di sopra del 60-70%. Dal punto di vista nutrizionale i migliori cioccolatini sono quelli con alte dosi di cacao in polvere, dove è concentrata la maggior parte degli oligoelementi antiossidanti, che hanno effetti positivi sul cuore e sulle arterie, ma anche sull’umore e sui meccanismi di rigenerazione cellulare. Il cacao è un ottimo antiossidante per il suo alto contenuto di proantocianidine, che insieme alle catechine e agli antociani costituiscono i principali polifenoli del cioccolato: più cacao in una tavoletta di cioccolato, maggiore è la dose di queste preziose sostanze. Nel cioccolato al latte, invece, che è più povero di polifenoli, sono le molecole del latte a impedirne l’assorbimento, mentre il cioccolato bianco ne è del tutto assente.

Attenzione anche alla presenza dello zucchero: sono preferiti i prodotti dolcificati con stevia, zucchero grezzo di canna, e quelli a base di fave di cacao provenienti da coltivazioni biologiche certificate.

Il cioccolato fondente è sicuro per il cuore

Il cioccolato extra fondente è un cioccolato senza grassi: grazie ad uno speciale alcaloide, puoi consumarne fino a 7-10 grammi (circa 2 quadrati) al giorno per ridurre il rischio di malattie cardiache, abbassare la pressione sanguigna e mantenere la Pulizia Arteriosa., Teobromina ; Questa sostanza promuove anche il flusso di ossigeno al cervello, migliora la memoria e la concentrazione e riduce l’affaticamento. La teobromina è anche un buon diuretico perché agisce come vasodilatatore cardiaco e renale: una tavoletta di cioccolato fondente ne contiene il triplo di una compressa di latte.

Il cioccolato è un vero alimento medicinale

I polifenoli nel cioccolato fondente aiutano a ridurre il rischio di diabete di tipo 2, abbassare il colesterolo cattivo e aumentare il colesterolo buono. Il cioccolato amaro ha anche potenti proprietà antitumorali perché blocca la crescita delle cellule tumorali. Infine, il burro di cacao è ricco di acido stearico, che abbassa la pressione alta e riduce colesterolo e trigliceridi.

Impara a leggere le etichette

Su un’etichetta di cioccolato, la lista degli ingredienti è in ordine decrescente: il primo della lista è l’ingrediente maggiormente presente nel prodotto. Più sono gli ingredienti della massima qualità, più la lista è corta. Diffidiamo delle compresse di zucchero come primo ingrediente, che contengono grassi vegetali, additivi e aromi chimici; sono consentiti i baccelli di vaniglia naturali. Un altro indicatore di qualità del cioccolato è la presenza di burro di cacao puro al 100%.

Curiosità: libri e film

Il cioccolato è stato il protagonista di diversi libri e film. Nel 1964, Roald Dahl pubblica una storia per bambini intitolata La fabbrica di cioccolato da cui vengono in seguito prodotti due film: Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato di Mel Stuart (1971) e La fabbrica di cioccolato di Tim Burton (2005), diventati entrambi dei cult.

Del 1999 è il libro di Joanne Harris, Chocolat, da cui nel 2000 viene tratto l’omonimo film  Chocolat con Johnny Depp.

Altri film dedicati al cioccolato sono:

Come l’acqua per il cioccolato, di Alfonso Arau (1994);
Lezioni di cioccolato, di Claudio Cupellini (2007);
Emotivi anonimi, regia di Jean-Pierre Améris (2010).
Lezioni di cioccolato 2, regia di Alessio Maria Federici (2011).

L’articolo Cosa succede a chi mangia cioccolato fondente con colesterolo e glicemia? Ecco la verità proviene da Cefalunews.net.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.