confermato-anche-dal-cga-lo-stop-alla-caccia-in-sicilia,-i-giudici-bacchettano-la-regione

Confermato anche dal Cga lo stop alla caccia in Sicilia, i giudici bacchettano la Regione

Niente anticipo per le doppiette nell’Isola

Il Cga Sicilia ha respinto il ricorso presentato da alcune associazioni venatorie contro la sospensiva del Tar di Palermo che aveva parzialmente sospeso il calendario venatorio regionale.

Gli ambientalisti, con le associazioni Enpa, Lac, Legambiente Sicilia, Lndc Animal Protection, Lipu e Wwf Italia difese dagli avvocati Antonella Bonanno e Nicola Giudice , hanno ottenuto anche in appello lo stop all’anticipazione dell’apertura della caccia sin dal 1 settembre e l’esclusione di tortore e conigli dall’elenco delle specie cacciabili in Sicilia.

Il Cga, infatti, ha respinto il controricorso delle associazioni venatorie che avevano impugnato la prima sospensiva del Tar di Palermo, basata su un parere negativo dell’istituto superiore protezione e ricerca ambientale al calendario venatorio firmato dall’assessore all’agricoltura Toni Scilla.

E proprio alla Regione arrivata la “bacchettata” del Cga, che ricorda i continui ricorsi presentati ogni anno dalle associazioni ambientaliste contro i calendari venatori, conclusi sempre con pesanti censure ai decreti assessoriali troppo sbilanciati a favore dei cacciatori. Il monito del Cga alla Regione è chiarissimo: tutto il “precedente contenzioso sui calendari faunistico-venatori degli anni pregressi” ha un valore di “orientamento e guida dell’azione amministrativa della Regione”, che quindi deve “cambiare rotta” ed approvare i nuovi calendari assicurando “un corretto bilanciamento tra la tutela della fauna selvatica, che costituisce patrimonio non della sola Regione Siciliana ma dell’intero Paese, e la tutela dell’interesse dei cacciatori”.

Adesso tutta l’attenzione delle 26mila doppiette siciliane è spostata al prossimo 7 settembre, quando il Cga ha fissato l’udienza per la discussione in camera di consiglio del ricorso. Fino ad allora fucili scarichi, poiché la data di apertura della caccia fissata a livello nazionale dalla legge-quadro sulla caccia è la terza domenica di settembre.

I cacciatori dovranno accontentarsi dell’unico risultato positivo ottenuto dal Cga: l’addestramento e l’allenamento dei cani potrà essere anticipato dal 22 al 29 agosto, una settimana in più di quanto concesso precedentemente dal TAR che aveva vietato tali attività in data anteriore al 1° settembre. Ma l’addestramento ad inseguire la selvaggina potrà avvenire solo nell’arco orario dalle 5 del mattino alle 6 del pomeriggio, rigorosamente senza armi e senza la cattura degli animali: in tal caso diventerebbe bracconaggio punito con sanzioni penali.

Ovviamente l’amarezza dei cacciatori è tanta: sul sito dei “Liberi Cacciatori Siciliani” – una delle associazioni che ha presentato appello – in un lungo comunicato si legge che “anche la decisione del Presidente del CGA Sicilia non rende alcuna giustizia al mondo venatorio danneggiandolo oltremodo. Quel che risulta incomprensibile ed inaccettabile è che anche per questo Giudice il parere di ISPRA abbia più valore della legge. Malgrado tali pronunce, certamente non favorevoli, tuttavia, si rassicurano tutti i cacciatori siciliani che le Associazioni continueranno a lottare per difendere ciò che la legge autorizza loro, certi che alla fine le discriminazioni subite cesseranno e che, sempre nel pieno rispetto della legge, gli stessi potranno esercitare senza attacchi continui la loro infinita passione”.

Articoli correlati

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.