comunali,-ferrandelli-e-richetti-allo-zen:-“a-palermo-le-periferie-sono-stata-abbandonate”

Comunali, Ferrandelli e Richetti allo Zen: “A Palermo le periferie sono stata abbandonate”

Il candidato sindaco al Comune di Palermo, Fabrizio Ferrandelli, ha incontrato i cittadini dello Zen insieme al presidente di Azione, Matteo Richetti.

“Lo Zen è casa mia, non mi sono perso e sono arrivato tranquillamente – afferma Ferrandelli – . Conosco le strade di questo quartiere come le mie tasche. Siamo qui ad incontrare quella parte di Palermo con la quale siamo cresciuti e abbiamo fatto battaglie sociali e per i diritti, che deve tornare a splendere. Palermo deve ripartire dalle sue periferie abbandonate da una Amministrazione che ha curato a mala pena l’ordinario in via Libertà. Noi riteniamo che a partire dai quartieri periferici la città debba ritornare ad avere una stagione di normalità facendo comizi all’aperto”.

“Tornare a fare politica con serietà vuol dire venire in queste zone ma non solo in campagna elettorale – dice Richetti – . Lo Zen è, forse, il simbolo di quanto sia mancata l’amministrazione Orlando. Basta arrivare qui e le persone chiedono servizi come i marciapiedi e le strade. Fabrizio Ferrandelli i luoghi li conosce e li ha serviti. Candidarlo significa dare una alternativa al bipolulismo di destra e sinistra che farebbe solo male a Palermo”.

“Noi abbiamo anticipato quello che faremo alle Regionali e alle Nazionali. Palermo – conclude – ha un problema di un ceto politico che si perpetra da troppo tempo. Qui c’è innovazione e dal nostro punto di vista potrebbe essere non solo un laboratorio ma una anticipazione di nuovi profili dirigenti”.

SISTEMI DI DEPURAZIONE, LA REGIONE AUTORIZZA UN NUOVO IMPIANTO A MESSINA TONO

AMMINISTRATIVE IN SICILIA, IL PD TEME IL “CONTROLLO DEL VOTO” E SCRIVE AI PREFETTI

LAGALLA A LETTA: “NO ALLA MAFIA, REPETITA IUVANT. BASTA ALIMENTARE CLIMA D’ODIO”

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.