commemorazione-dei-defunti,-niente-mercatino-settimanale-a-mazara-–-televallo

Commemorazione dei defunti, niente mercatino settimanale a Mazara – Televallo

  • Verstappen vince ancora, da record in Messico

    by Redazione on 30 Ottobre 2022 at 21:11

    CITTA’ DEL MESSICO (MESSICO) (ITALPRESS) – Max Verstappen non la smette di stupire. Fagocita letteralmente il GP del Messico dominandolo dall’inizio alla fine e conquistando la 14esima vittoria in una stagione, nessuno come lui. I problemi all’anteriore destro passano in secondo piano quando l’olandese prende in mano le redini della corsa e conduce senza problemi la macchina fino alla fine. Dietro il due volte campione del mondo si illude Hamilton, mentre Sergio Perez si sforza di soddisfare i suoi tifosi, scatenati per il messicano, mentre Russell sembra sempre poter dare fastidio a tutti e poi si accontenta del quarto posto a più di 20″ dal vincitore. Male le Ferrari con Carlos Sainz e Charles Leclerc distanti anni luce da Verstappen.Sul circuito messicano i tifosi (sold-out) non badano tanto al monologo di Verstappen, che sembra fare corsa da solo, ma al duello che viene fuori dopo la metà della corsa, tra Hamilton e Perez per il secondo posto. Identica emozione tra Ocon e Bottas che si azzuffano a lungo per un punticino. Così l’adrenalina sale solo quando Ricciardo provoca l’incidente di Yuki Tsunoda prendendosi dieci secondi di penalità. Per il resto i tifosi messicani si esaltano quando Perez va a cercare la seconda posizione di Hamilton e lo tampina lungamente e hanno un sussulto quando Alonso si arrende a sei giri dalla fine. Per il resto calma piatta. Capitolo a parte per le gomme, le medie hanno fatto un gran figurone mentre quelle scelte dalla Mercedes in avvio non sono sembrate ideali. In un tipo di Gran Premio come questo del Messico le gomme sono passate in secondo piano, però, rispetto alla prestazione monstre di Verstappen ed alle prove fatte dal resto delle scuderie. Ultima considerazione riguarda le Ferrari che hanno chiuso al quinto (Sainz) e sesto posto (Leclerc), lontanissime rispetto al vincitore. L’impressione è che la casa di Maranello si stia preparando già in vista del prossimo anno, con buona pace anche del secondo posto, ancora in ballo, nella classifica piloti e in quella costruttori. – foto LivePhotoSport – (ITALPRESS)

  • Il Milan trafitto dal Toro: 2-1 per i granata

    by Redazione on 30 Ottobre 2022 at 20:56

    TORINO (ITALPRESS) – Brusco stop per il Milan, che perde sul campo del Torino per 2-1, mettendo in scena una delle peggiori prestazioni della stagione. Decisive per i padroni di casa le reti firmate da Djidji e Miranchuk nel primo tempo, che rendono vano il gol di Messias, arrivato nella ripresa. In avvio di partita gli ospiti falliscono subito due occasioni con Leao, che al 4′ spara alto con il sinistro dopo essere entrato in area e poi, un minuto più tardi, sbuccia completamente la conclusione con il destro a tu per tu con il portiere sciupando l’assist di Diaz. Sul fronte opposto è Pellegri a farsi vedere al 19′ quando aggira Tomori a va al tiro sul primo palo da dentro l’area ma Tatarusanu è attento e devia in corner. I granata escono alla distanza e al 35′ trovano l’1-0. Lazaro batte una punizione dalla sinistra, Djidji svetta più in alto di tutti e mette dentro con l’aiuto del palo. Gli uomini di Pioli si spengono e due minuti più tardi subiscono il 2-0. Milinkovic-Savic rilancia dalla sua porta trovando la sponda aerea di Pellegri che libera Miranchuk, il quale sfugge a Kalulu e infila Tatarusanu con un bel mancino incrociato. E’ il punteggio con cui le due squadre vanno al riposo.Dopo un triplo cambio all’intervallo, i rossoneri provano a reagire all’8′ con il neo entrato Dest che ci prova con il mancino dalla lunga distanza ma la sfera termina alta. La gara si riapre improvvisamente al 22′. Tonali lancia lungo dalla difesa, Buongiorno e Milinkovic-Savic in uscita non si capiscono e lasciano la palla a Messias che dal limite mette dentro a porta vuota il 2-1. Tante le proteste da parte dei locali per un possibile fallo del brasiliano, che appoggia le mani sulla schiena di Buongiorno prima del tiro, culminate poi con l’espulsione di Juric. Un gol che è però un fuoco di paglia, con i campioni d’Italia in carica che non riusciranno più a impensierire la difesa avversaria. I piemontesi controllano senza troppi affanni e conservano il vantaggio fino al fischio finale. Per il Milan arriva una sconfitta pesante che lo fa scivolare al terzo posto a 6 lunghezze di ritardo dalla capolista Napoli. Il Torino trova invece 3 punti importanti grazie ai quali sale in nona posizione a quota 17.- foto Image -(ITALPRESS).

  • La Lazio crolla in casa: la Salernitana si impone 3-1

    by Redazione on 30 Ottobre 2022 at 18:11

    ROMA (ITALPRESS) – La Salernitana, con una clamorosa rimonta, batte la Lazio 3-1 allo stadio Olimpico nella 12esima giornata di Serie A. I biancocelesti erano andati in vantaggio con Zaccagni nel primo tempo ma nella ripresa la squadra di Nicola prima ha pareggiato con l’ex biancoceleste Candreva e poi ha trovato il successo grazie a Fazio (ex Roma) e a Dia. Milinkovic-Savic, in campo nella ripresa, in quanto diffidato, ha preso un cartellino giallo: salterà il derby di domenica prossima.La Salernitana ha perso per infortunio, dopo appena dieci minuti, Gyomber, colonna portante di una difesa che sin dall’inizio deve arginare le avanzate della Lazio. Al 21′ Felipe Anderson ha trovato la via del gol ma l’illusorio 1-0 è stato annullato per fuorigioco. Al 38′ Pedro ha ravvivato la partita, centrando in pieno il palo. La squadra di Sarri è poi salita di intensità e pochi minuti dopo è arrivato il vantaggio. Zaccagni si è inserito e ha calciato di destro in rete, dopo il bel suggerimento di Luis Alberto.I biancocelesti hanno sbloccato meritatamente la gara, considerati il palo e il gol annullato. La Salernitana non è stata mai pericolosa ma alla prima occasione utile del secondo tempo è riescita a trovare il pareggio. La firma al 51′ è di Candreva, che ha battuto Provedel dopo esser stato imbeccato in area da Mazzocchi. La Lazio ha provato a reagire ma si è schiantata sul muro degli uomini di Nicola: così Sarri ha provato a pescare la soluzione dalla panchina, inserendo Milinkovic-Savic (fino a quel punto a “riposo precauzionale). E invece sono stati ancora gli ospiti a far male, completando la rimonta iniziata nella ripresa. Al 68′ di nuovo Mazzocchi ha confezionato l’assist che l’ex giallorosso Fazio ha mandato di piatto in gol per l’1-2. I campani a ruota possono festeggiare il clamoroso tris, con il definitivo 1-3 siglato al 76′ dal subentrato Dia, imbeccato da Bradaric. La vittoria a sorpresa lancia la Salernitana a quota 16; mentre la Lazio rallenta la corsa e resta a 24 punti.- foto LivePhotoSport -(ITALPRESS).

  • Decide Cabral, la Fiorentina vince al 90′ a La Spezia

    by Redazione on 30 Ottobre 2022 at 15:21

    LA SPEZIA (ITALPRESS) – Tre punti corsari per la Fiorentina che passa al “Picco” contro lo Spezia, 1-2 il risultato, e torna a vincere in campionato dopo più di due mesi (l’ultimo successo era arrivato il 18 settembre contro il Verona). A decidere la sfida, nel finale, la rete siglata da Arthur Cabral, entrato in campo dal 77′. Liguri in dieci uomini dall’82’ per via del rosso diretto inflitto ai danni di Nikolaou, per gioco pericoloso. L’inizio della partita esalta lo sprint offensivo dei padroni di casa che, dopo appena due minuti, sfiorano la rete con Gyasi ma Terracciano si supera ed evita la rete con un gran intervento. La Fiorentina soffre la verve dei bianconeri e, al 7′, Gyasi salta Milenkovic e calcia da posizione defilata con Terracciano che risponde e salva la Fiorentina. La Fiorentina prova a riorganizzarsi e, al 14′, Italiano può festeggiare il vantaggio della sua squadra: corner calciato da Biraghi per Milenkovic che, preso il tempo a Holm, di testa infila per il vantaggio dei toscani. La rete mette le ali ai piedi viola che, tre minuti dopo, colpiscono il palo con Jovic. Incassato lo svantaggio, lo Spezia si tuffa all’attacco alla ricerca del pareggio e, al 23′, Nzola ci prova di testa; Terracciano però è in giornata di grazia e si oppone al tentativo dell’attaccante angolano. La viola arretra pericolosamente il proprio baricentro e, al 35′, lo Spezia perviene al meritato pareggio. Azione offensiva dello Spezia con Ekdal che di testa innesca Nzola; l’attaccante stoppa il pallone e con il sinistro firma l’1-1 che chiude il primo tempo. Nella ripresa ritmo e intensità visti nella prima parte di gara sono solo un ricordo e per assistere alla prima azione d’attacco bisogna attendere il 72′. Assist filtrante di Mandragora per Jovic che, elusa la marcatura, calcia angolato ma il pallone, seppur di poco, finisce a lato. Scampato il pericolo, lo Spezia si scuote e, al 75′, Strelec ci prova dal limite dell’area ma Terracciano si distende e neutralizza il pericolo. Lo Spezia resta in 10 all’82’ e la Fiorentina si riversa in attacco alla ricerca del gol vittoria, che arriva al 90′ con Cabral, che sfrutta una respinta corta dell’ex Dragowski e sigla la rete che regala i tre punti ai viola.- foto LivePhotoSport -(ITALPRESS).

  • Pareggio senza reti tra Cremonese e Udinese

    by Redazione on 30 Ottobre 2022 at 15:11

    CREMONA (ITALPRESS) – Finisce con un pari senza reti tra Cremonese e Udinese. La squadra grigiorossa torna a muovere di poco la classifica ma manca ancora una volta la prima vittoria in campionato, mentre quella bianconera resta incollata alle prime posizioni. Alvini sceglie la stessa formazione vista contro la Sampdoria per mettersi a specchio rispetto alla squadra di Sottil e ordina ai suoi giocatori di non scoprirsi troppo. Ne esce una gara chiusa con poche occasioni per parte. Al 4′ Carnesecchi para d’istinto su tocco ravvicinato di Deulofeu, ma è la prima e unica fiammata vera di una prima mezz’ora giocata a ritmi bassi da ambo le parti, con l’Udinese che si fa preferire nel palleggio ma non in grado di arrivare a conclusioni pericolose. Si vede qualcosa al 35′ quando Valeri avanza a sinistra e centra per Okereke che stacca di testa ma colpisce male e manda alto. Il finale è più di marca grigiorossa, con Buionaiuto ed Okereke che davanti si muovono molto e mettono in difficoltà i centrali avversari, ma il risultato al termine della prima frazione non si schioda dalla parità iniziale. La ripresa si apre con il forcing dell’Udinese ma al 4′ arriva lo slalom al limite di Buonaiuto che calcia a giro deviato da Silvestri in angolo con la mano: sul tiro dalla bandierina Aiwu di testa spedisce fuori. All’8′ Success di procura una punizione dai venti metri: calcia Deulofeu alto. Al 23′ cross di Buonaiuto, palla respinta fuori area per il tiro di Sernicola deviato in corner. Al 37′ si rivede l’Udinese con Samardzic che protegge bene palla al limite e calcia, ma Carnesecchi para. Nel finale la Cremonese prova ad avanzare ordinatamente ma rischia al 48′ su un veloce contropiede con palla per Deulofeu che calcia alto. Una prestazione convincente da parte dei grigiorossi anche se lo slancio in classifica per la corsa salvezza è rimandato ad altra data.- foto LivePhotoSport – (ITALPRESS).

  • Related Posts

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *