blog-|-'i-bulli-mi-hanno-rovinato-l'adolescenza-e-ho-tentato-il-suicidio.-percio-dico:-inasprite-la-legge'-–-il-fatto-quotidiano

Blog | 'I bulli mi hanno rovinato l'adolescenza e ho tentato il suicidio. Perciò dico: inasprite la legge' – Il Fatto Quotidiano

di Giuseppe Sciarra

La legge contro il bullismo e il cyberbullismo, la n. 71 del 2017, non basta a contenere un fenomeno sempre più preoccupante e in aumento soprattutto sul web che permette ai bulli di mascherarsi, proteggersi e attaccare in modo costante le loro vittime. La storia di Alessandro, il ragazzino di soli tredici anni di Gragnano che si è buttato dal balcone, probabilmente perché esasperato dalle minacce e dagli insulti persecutori di cinque minorenni e un maggiorenne – se si accerterà le responsabilità degli indagati – sarà l’ennesima conferma. In materia di bullismo dobbiamo ancora percorrere tanta strada per tutelare tutti quei ragazzi e ragazze che si uccidono, rispondendo con gesti disperati ed estremi a una violenza reiterata di matrice spesso delinquenziale nei loro confronti difficile da sostenere a lungo andare – sfido chiunque a farlo!

Il bullismo non è una ragazzata e chi dice il contrario forse non sa di che parla o non vuole vedere la realtà: i minori sono esseri umani in formazione, certo, ma capacissimi di gesti di grande crudeltà e a volte senza un briciolo di umanità, esattamente come un adulto. Per iniziare a intervenire in maniera incisiva contro un’emergenza seria come il bullismo, sfatiamo questo mito dei minorenni che commettono reati, a volte sminuiti come marachelle o ragazzate o che vorremmo recuperare facendogli fare attività socialmente utili che non servono a nulla, se non solo a far a credere di aver fatto la cosa giusta a chi finge di fare qualcosa sulla questione.

Da adolescente, più o meno all’età di Alessandro, ho tentato di uccidermi ingerendo dei farmaci, con conseguenziale lavanda gastrica che mi ha salvato per miracolo. Perché ho fatto quel gesto? Perché i bulli mi avevano rovinato la vita, appannando la mia lucidità mentale, inducendomi al suicidio con la loro cattiveria, il loro sadismo, la loro ignoranza e soprattutto col benestare di un sistema che era dalla loro parte e non dalla mia. Se i bulli attuano meccanismi di prevaricazione e sono violenti è perché non solo vivono in un sistema sociale che glielo permette, ma che li induce a farlo: una società aggressiva come quella occidentale si basa ancora sulla legge del più forte e sulla brutalità e ci vorranno decenni e altre battaglie per scardinarla.

Il vincente tanto osannato dal sogno americano deve essere brutale, deve rifarsi a un super io cinico e spietato: i modelli imperanti sono peggio dei modelli moralizzanti del passato perché sono fintamente liberi e sono un rimasuglio degli istinti e dei comportamenti più beceri che possa avere un essere umano figlio del neoliberismo e di un patriarcato da medioevo con cui dobbiamo fare ancora i conti. Ci sono varie forme di bullismo, alcune più soft e altre più forti: in questi ultimi casi abbiamo a che fare con delinquenti minorenni, che lo vogliamo o no, e il politicamente corretto con loro non funziona perché se si continua a essere morbidi con soggetti pericolosi – perché di questo si tratta – non si salveranno vite.

Come più volte ho scritto prevederei in casi estremi forme di carcere minorile per i bulli dove quest’ultimi scontino una pena e facciano un percorso di recupero vero che li metta di fronte a quello che hanno commesso. Purtroppo una proposta del genere trova molte resistenze e si scontra con una visione edulcorata e ingenua sui minori, indigna i benpensanti e mette in evidenza il fallimento e soprattutto le grandi responsabilità degli adulti, famiglia e scuola in primis nei confronti di bulli e bullizzati. Fatto sta che chi muore di bullismo muore per mano di una società cieca ancor prima che a causa di un bullo!

***

Se hai bisogno di aiuto o conosci qualcuno che potrebbe averne bisogno, ricordati che esiste Telefono amico Italia (0223272327), un servizio di ascolto attivo ogni giorno dalle 10 alle 24 da contattare in caso di solitudine, angoscia, tristezza, sconforto e rabbia. Per ricevere aiuto si può chiamare anche il 112, numero unico di emergenza. O contattare i volontari della onlus Samaritans allo 0677208977 (operativi tutti i giorni dalle ore 13 alle 22).

***

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’offerta Sostenitore e diventando così parte attiva della nostra community. Tra i post inviati, Peter Gomez e la redazione selezioneranno e pubblicheranno quelli più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Diventare Sostenitore significa anche metterci la faccia, la firma o l’impegno: aderisci alle nostre campagne, pensate perché tu abbia un ruolo attivo! Se vuoi partecipare, al prezzo di “un cappuccino alla settimana” potrai anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione del giovedì – mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee – e accedere al Forum riservato dove discutere e interagire con la redazione. Scopri tutti i vantaggi!

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO

DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.

Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI

Grazie Peter Gomez

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *