appalto-per-i-lavori-di-messa-in-sicurezza-e-rifacimento-del-manto-stradale-della-via-santa-maria-del-paradiso-a-mazara-–-televallo

Appalto per i lavori di messa in sicurezza e rifacimento del manto stradale della via Santa Maria del Paradiso a Mazara – Televallo

E’ in corso nella piattaforma Mepa (mercato elettronico della pubblica amministrazione) e si concluderà entro fine mese la procedura negoziata per l’affidamento con il criterio del minor prezzo dei “Lavori di realizzazione (messa in sicurezza) del manto stradale della via Santa Maria Paradiso (traversa via G. Falcone ex S.S. 115)”.

Il progetto, elaborato dal geometra Vito Giacalone dell’ufficio tecnico e approvato con determinazione del dirigente del settore tecnico arch. Maurizio Falzone, prevede un investimento complessivo di circa 250mila euro.

L’importo a base d’asta dei lavori ammonta ad € 200.520,38 oltre 5.242,88 per oneri della sicurezza non soggetti a ribasso. Completano il piano economico: oneri di conferimento in discarica, Iva, oneri tecnici e somme a disposizione dell’amministrazione comunale.

La via Santa Maria del Paradiso, traversa della via G. Falcone (ex Strada Statale 115), allo stato attuale è in terra e si trova in precarie condizioni per le numerose buche, avvallamenti, dossi, ristagni d’acqua, rendendo difficoltoso il traffico veicolare e pedonale e pertanto gli interventi sono necessari anche in termini di sicurezza.

In particolare si prevede la regolarizzazione del piano stradale con  opera di pavimentazione stradale (binder) per uno spessore di circa 7 cm; posa in opera di pavimentazione stradale, strato di usura, per uno spessore di circa 3 cm: Fa parte dei lavori da realizzarsi il sistema di intercettazione delle acque piovane anche in considerazione del fatto che l’intera strada è in pendenza.

Nella parte più bassa della via Santa Maria del Paradiso per circa 240 metri dall’innesto con la Via Falcone verrà realizzato un sistema di griglie trasversali carrabili, lunghe quanto l’intera larghezza della sede stradale. Le caditoie saranno  collegate da un doppio collegamento con tubazione di circa 30 cm che terminano nei pozzetti di collegamento con il sistema di raccolta delle acque bianche sito nella Via Falcone. 

Responsabile del procedimento è l’ingegnere Marcello Bua. L’impresa che risulterà aggiudicataria avrà 90 giorni di tempo, dalla consegna formale, per ultimare gli interventi.

comunicato stampa

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *