a-ionadi-diventa-realta-il-primo-presidio-di-gentilezza-per-la-pace

A Ionadi diventa realtà il primo presidio di Gentilezza per la Pace

L’avamposto è stato inaugurato nella biblioteca della “Nuova associazione Fatima”, con l’intento di farlo diventare un baluardo contro violenza e intolleranza

Giuseppe Currà

A Ionadi diventa realtà il primo presidio di Gentilezza per la Pace

Diventa realtà, a Ionadi, il primo presidio di Gentilezza per la Pace. L’avamposto a sostegno di tali valori è stato inaugurato nelle scorse ore all’interno della biblioteca realizzata sul territorio dalla “Nuova associazione Fatima”, artefice dell’iniziativa in sinergia con il Comune di Ionadi. L’intento dei promotori è di favorire la diffusione di questa buona pratica e dei sentimenti di pace all’interno della comunità di appartenenza, e non solo. Il presidio rientra nell’ambito del progetto nazionale “Costruiamo Gentilezza”. «Si tratta – sottolinea al riguardo Francesca Martorana, presidente della “Nuova associazione Fatima” – di un luogo accessibile a bambini e ragazzi, inaugurato con una cerimonia pubblica e riconoscibile grazie a una targa e a uno scaffale contraddistinto dal colore viola, simbolo appunto di gentilezza. Al suo interno i giovani potranno consultare e usufruire liberamente di libri inerenti alla gentilezza, di cui la metà destinati proprio a loro. Il proposito – aggiunge – è di farlo diventare un luogo deputato all’incontro, alla promozione della cultura e al rispetto. Un baluardo contro l’ignoranza, la violenza e l’intolleranza, centro propulsivo per attività di cooperazione e di conoscenza sui temi dei diritti e della gentilezza, capace di favorire l’aggregazione naturale di diverse realtà sociali che operano in collaborazione e a stretto contatto tra di loro, coinvolgendo giovani e anziani. Una sorta di laboratorio di sviluppo di nuove pratiche di gentilezza attiva». In conclusione, il presidente Martorana ci tiene a ringraziare «tutti coloro che hanno partecipato alla cerimonia inaugurale». Tra questi, il sindaco Fabio Signoretta, l’assessore Valentina Fusca, il presidente regionale dell’Aism Salvatore Lico, il presidente provinciale della stessa realtà associativa Tania Garistena, la Pro Loco e i ragazzi del Servizio civile universale.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *